Oldboy torna al Cinema in Versione Restaurata: i Dettagli [DATA]

Uno dei capolavori del cinema contemporaneo, Oldboy di Park Chan-wook è pronto a tornare nelle sale italiane in versione rimasterizzata.

Oldboy
Choi Min-sik in Oldboy
Condividi l'articolo

Oldboy è stato uno dei primi film coreani ad essere conosciuto ad un ampio pubblico. Merito sicuramente dell’endorsement che ricevette all’epoca da Quentin Tarantino, ma altrettanto dai premi ottenuti in tutto il mondo e il livello altissimo raggiunto grazie anche ad una performance magnetica di Choi Min-Sik.

Il film ha avuto una forte influenza anche sul cinema occidentale, come testimonia anche il remake hollywoodiano diretto da Spike Lee con Josh Brolin.

Ora, a sedici anni dall’uscita, questo capolavoro della produzione coreana è pronto a tornare nelle sale italiane nella sua versione rimasterizzata in 4K, sotto l’attenta supervisione del regista Park Chan-Wook.

Il film destò grande interesse nell’anno della sua uscita, vincendo il Gran Premio della Giuria al Festival di Cannes e ricevendo elogi da molti critici e, soprattutto, un grande apprezzamento da parte del pubblico.

Oldboy: la trama

Oh Dae-su (Choi Min-Sik) viene rapito e rinchiuso in una prigione privata, senza sapere per quanto tempo vi rimarrà. Dopo quindici anni si ritrova in libertà e ha un unico desiderio: vendicarsi. Deve però scoprire prima chi lo ha rapito e per quale motivo. Mido lo aiuterà a risolvere il mistero ma la scoperta della verità sarà per lui solo l’inizio del suo incubo più atroce.

LEGGI ANCHE:  Life Is But a Dream: il corto di Park Chan-wook girato con IPhone [video]

Il film racconta dunque una storia di vendetta tratta dall’omonimo manga, e sicuramente una della migliori che vedrete in tutto il panorama contemporaneo (e non). Così come sono storie di vendetta gli altri due capitoli (narrativamente slegati ma accomunati dalla stessa tematica) che compongono la trilogia della vendetta, Sympathy for Mr. Vengeance e Lady Vendetta.

Oldboy arriverà nelle sale italiane a partire dal 9 giugno, distribuito da Lucky Red.

Un’occasione quindi imperdibile per rivedere (magari insieme agli altri due film) uno dei capolavori del cinema contemporaneo. Oppure, chissà, per scoprirlo per la prima volta in grande formato comodamente al cinema.

Torinese d'adozione ed aostano di nascita, laureato al DAMS. Quando non è impegnato a sopravvivere si interessa in particolare di cinema orientale, di fumetto e di tappeti.