Quando i Rage Against the Machine “assaltarono” Wall Street [VIDEO]

Il più famoso e "pericoloso" video dei Rage Against the Machine

Rage Against the Machine
I Rage Against the Machine nel video di Sleep Now in the Fire. Credits: Rage Against the Machine / YouTube
Condividi l'articolo

I Rage Against the Machine scatenati in uno dei loro momenti più da “facinorosi” con la complicità del regista Michael Moore

Siamo nel 2000. I Rage Against the Machine sono quasi a fine carriera, con il loro terzo e ultimo album (ad oggi), The Battle of Los Angeles. Ma la loro musica non è meno aggressiva e ribelle di prima: anzi. Sleep Now in the Fire è uno dei singoli più forti del disco ed entusiasma tutti anche grazie al famoso video.

Video che viene diretto, guarda caso, da un certo Michael Moore. Il regista non è ancora all’epoca famoso come oggi e deve ancora realizzare i suoi più celebri film di protesta, come Bowling for Columbine e ovviamente Fahrenheit 9/11. Ma già in questo video le intenzioni critiche dell’opera del regista si vedono tutte.

Perché il video è ambientato vicino al palazzo della Borsa di Wall Street, centro assoluto del potere economico non solo degli Stati Uniti ma anche un po’ di tutto l’occidente. Il 26 gennaio del 2000 Moore, la troupe e la band “occupano” uno spazio vicino alla struttura, creando una situazione concitata che presto precipita.

LEGGI ANCHE:  Le migliori copertine del secolo scorso
Rage Against the Machine – Sleep Now in the Fire, 2000

L’exploit di certo più rischioso nella carriera dei Rage Against the Machine

Il gruppo suona la canzone davanti ad una folla confusionaria, mentre gli agenti di polizia mantengono l’ordine a fatica. Alla band era stato dato il permesso di suonare sulle scale del Federal Hall National Memorial, sito lì vicino. All’improvviso però si decide di “attaccare”, cioè di entrare a forza nel palazzo della borsa.

Le pesanti porte di protezione vengono chiuse in faccia ai facinorosi, ma poco importa perché ormai il caos è completo. Moore, che viene tratto in arresto, grida: “Prendete la New York Stock Exchange!” (nome ufficiale dell’ente). In precedenza, il regista aveva dato istruzione ai RATM di continuare a suonare qualunque cosa fosse accaduto.

In post-produzione le immagini delle riprese vengono poi associate ad una parodia di Chi Vuol Essere Miliardario? con domande sulla povertà e l’iniquità sociale in America e con tanto di sommossa finale. Il video rimane uno dei più memorabili dei RATM ed è per certi versi un po’ il culmine della loro carriera.

LEGGI ANCHE:  I Rage Against The Machine tornano insieme, ecco quando [UFFICIALE]

Continuate a seguirci sulla nostra pagina Facebook ufficiale, La Scimmia sente, la Scimmia fa.