Solidarietà digitale, Amazon Prime Video fa un passo indietro?

Amazon Prime Video non compare più nella lista dei servizi gratuiti dell'iniziativa governativa Solidarietà Digitale. Eccovi i dettagli

Prime Video

Come sappiamo ormai tutti, in questi giorni è fortemente consigliato rimanere in casa per contenere il contagio causato dal Coronavirus. Per allietare il periodo di quarantena, Amazon aveva deciso di aderire all’iniziativa del Ministro per l’Innovazione tecnologica e la Digitalizzazione chiamata Solidarietà Digitale. Tra i servizi proposti c’era anche Amazon Prime Video, la piattaforma streaming del colosso dell’e-commerce.

Con questa proposta, alcune imprese e associazioni hanno deciso di mettere a disposizione servizi gratuiti per i propri utenti, e Amazon aveva deciso quindi di regalare il suo servizio di Prime Video a tutti i residenti della zona rossa fino al 30 marzo.

Marcia indietro?

Tutto ciò era possibile fino ad oggi, quando il nome della piattaforma pare essere sparito dalla lista dei servizi gratuiti, che potete trovare qui sul sito del governo.

Quali potrebbero essere i motivi di questa marcia indietro?

Una delle possibili motivazioni può essere il fatto che, da ieri sera, vista la conferenza stampa del Presidente del Consiglio Conte, non ci sono più zone rosse ma l’intera Italia è da considerarsi “zona protetta”.

Vista quindi l’estensione geografica della cosiddetta zona rossa, è possibile che Amazon abbia deciso di ritirare il proprio servizio gratuito di Prime Video. Va comunque ricordato che Amazon Prime consentiva già una prova gratuita di 30 giorni per tutti i nuovi utenti.

La lista dei servizi gratis di Solidarietà Digitale è però sempre in aggiornamento, quindi ci possiamo aspettare anche che Amazon Prime Video rientri nell’elenco. Infatti i servizi di Amazon Web Services e alcuni Webinar sono ancora presenti nella lista.

In queste ore infatti il governo sta rivedendo gli accordi con molte delle realtà interessate, quindi non possiamo escludere che anche Prime Video possa essere coinvolto.

Vi terremo aggiornati il prima possibile, stay tuned!

Potrebbero interessarti anche:

Continua a seguirci su LaScimmiaPensa.com per altre news e approfondimenti!