Banksy parla del murales vandalizzato: “La bozza iniziale era meglio” [foto]

In un post su Instagram, Banksy, il celebre artista incognito, ha ironizzato sul deturpamento compiuto ai danni della sua opera, creata per San Valentino.

Banksy
Credits: Flickr/Dominic Robinson

Banksy, il celebre artista di cui non si conosce il vero nome, ha poco tempo visto deturpata una sua opera, creata su un muro a Barton Hill, a Bristol. Nella città britannica infatti aveva disegnato un murale nel quale mostrava una bimba con una fionda che faceva esplodere, in un tripudio di rosso sangue, quello che si pensa potesse essere Cupido. Quest’opera era stata donata alla città in occasione di San Valentino e protetta da uno schermo. Tuttavia neanche 48 ore dopo la creazione dell’opera, dei vandali avevano deturpato il disegno con una bomboletta rossa, accusando Banksy di aver copiato sé stesso, in quanto il disegno era simile ad un altro suo murale, apparso sul ponte di Waterloo a Londra.

Ebbene, poche ore fa l’artista, sempre attraverso il proprio profilo Instagram ha ironizzato sul fatto, postando delle foto che ritraggono i primi schizzi su carta dell’opera irrimediabilmente deturpata. Bozze iniziali che, secondo Banksy, erano addirittura meglio dell’opera finita.

Sono in parte contento che l’opera di Barton Hill sia stata vandalizzata. Lo schizzo iniziale era decisamente meglio.

Cosa ne pensate di questa reazione dell’artista? Ha fatto bene a prenderla con ironia?

Leggi anche:

Scriveteci cosa ne pensate e continuate a seguirci su LaScimmiapensa.com per nuovi approfondimenti e news.