Jon Bernthal si unisce ai sostenitori del bimbo tormentato dai bulli

Jon Bernthal si è unito alla shciera di volti noti che hanno mostrato la loro vicinanza a Quaden, il bimbo di 9 anni bullizzato poichè affetto da nanismo

the-punisher-Jon Bernthal

La storia del piccolo Quaden è di quelle che sta toccando i cuori di tutto il mondo. Il bimbo di 9 anni, affetto da nanismo, che piange disperato in un video dichiarando di volersi uccidere poiché vittima di bullismo sta lasciando il segno nell’animo di molti. Diversi volti noti hanno dato supporto al bambino. I primi a muoversi, come vi abbiamo raccontato ieri, sono stati Jeffrey Dean Morgan e Hugh Jackman, che hanno postato sui loro social due video per mostrare il loro affetto a Quaden e per provare anche a dare qualche consiglio anche a quei piccoli bulli. A loro, nelle ultime ore, si è unito anche Jon Bernthal, star della serie TV The Punisher.

Il quarantatreenne attore nato a Washington, ha scritto un commovente post su Twitter per ringraziare il bimbo di quel gesto così drammatico.

Ehi piccolo uomo. Per quello che vale hai insegnato così tanto alla mia famiglia. Ci hai ispirato e nella nostra casa sei un eroe. Grazie per il tuo coraggio, rimani forte che il mondo sta guardando e hai un potere così bello. Da parte mia e dei miei ragazzi: siamo con te e ti ringraziamo.

Saranno sicuramente milioni le persone che hanno voluto mostrare il loro affetto a questo bambino con foto, post e video di ogni tipo. Tuttavia, il fatto che uomini dalla così ampia cassa di risonanza, abbinoa deciso di muoversi per aiutare Quaden manda un segnale forte al mondo.

Che ne pensate di questa storia e delle parole di Jon Bernthal?

Leggi anche:

Quando Jon Bernthal pestò un senzatetto

Continua a seguirci su LaScimmiaPensa.com