Sylvester Stallone celebra i 44 anni delle tartarughe di Rocky

Di recente, Sylvester Stallone ha pubblicato una foto delle famose tartarughe prensenti nei film su Rocky Balboa. Cuff e Link oggi hanno 44 anni.

Sylvester Stallone celebra i 44 anni delle tartarughe di Rocky
Sylvester Stallone celebra i 44 anni delle tartarughe di Rocky

Sylvester Stallone è senz’altro uno degli attori più apprezzati del panorama cinematografico, in particolare per aver vestito i panni dell’iconico personaggio Rocky Balboa.

Un aspetto che ha particolarmente caratterizzato la saga e il personaggio di Rocky, sono state le sue compagne e amiche tartarughe Cuff e Link, che Rocky mostra ad Adriana in uno dei loro primi incontri.

Una notizia che forse farà felici diverse persone che hanno particolarmente amato il film sul pugile più famoso del grande schermo, è che le tartarughe oggi hanno 44 anni di età e quotidianamente rallegrano la vita dell’attore statunitense.

Potrebbe interessarti anche: Sylvester Stallone dice addio a Rocky in un commovente messaggio

Sylvester Stallone recentemente ha pubblicato un simpatico post su Instagram con Cuff e Link.

Ricordiamo che Stallone è volato alla 72 edizione del Festival di Cannes per la promozione del suo ultimo film, Rambo V: Last Blood, il film andrà a narrare ancora le vicende di John Rambo, in pensione in un ranch in Arizona, conduce una vita un pò da cowboy, finché non è costretto a tornare in azione per salvare la nipote di una sua amica, rapita da un cartello messicano della droga. Ad aiutarlo sarà una giornalista in cerca della sua sorellastra, anch’essa rapita.

Al momento non è ancora stat ufficializzata una data d’uscita.

Leggi anche: Rambo 5: Stallone diventa a sorpresa un cowboy sul set

Continuate a seguirci su LaScimmiaPensa.com

CONDIVIDI
Articolo precedenteTutti in piedi per Calcutta – Il film evento
Prossimo articoloTrip da LSD restaurando un vecchio sintetizzatore
Grande appassionato di Cinema, coltiva la sua passione per la Settima Arte divorando pellicole di ogni genere, da Kurosawa a Bergman, passando da Cronenberg a Mario Bava, fino al cinema Tarantiniano. Il suo regista preferito è Pasolini, il suo film preferito.... Saló o le 120 giornate di Sodoma.