Blockbuster: come resiste uno degli ultimi negozi al mondo

È a Bend, in Oregon, uno degli ultimi negozi sopravvissuti della catena di video noleggio Blockbuster.

blockbuster
Getty Images

Con la chiusura dell’ultimo negozio rimasto in Australia, Blockbuster, all’estero, continuerà ad esistere solo grazie ad un piccolo negozio a Bend, cittadina dell’Oregon con meno di 100.000 abitanti.

Blockbuster è la catena di videonoleggio che, negli anni ’90, ha accompagnato le serate di moltissime persone, permettendo il noleggio di prime visioni e vecchi film da catalogo. Tuttavia, con lo sviluppo della rete e la diffusione dello streaming, la catena ha cominciato a mostrare i primi segni di cedimento.

Leggi anche: Intervista a Federico Frusciante, l’ultimo dei videotecari

Blockbuster nella sua formula originale, oggi,  scomparirebbe del tutto, se non fosse per il negozio di Bend. Situato a metà strada tra un rivenditore di cannabis legale e un servizio di cremazione per animali domestici, questo Blockbuster è guidato da Sandi Harding che ha comunicato personalmente sul suo account facebook la notizia che il suo negozio è l’ultimo Blockbuster sul pianeta.

Raggiunta dal New York Times, Sandi Harding ha dichiarato di avere circa quattromila iscritti e il numero, paradossalmente, continua a crescere giorno dopo giorno. Soprattutto dopo la diffusione della notizia della chiusura del Blockbuster in Australiano, quando nostalgici degli anni ’90 e semplici turisti si recano sul luogo come se fosse una meta da immortale.

“Ci trattano come celebrità”, ha dichiarato la Harding al New York Times.

Leggi anche: Samsung si ritira, è la fine del Blu-ray?

Il motivo della resistenza di questo Blockbuster è dovuto probabilmente alla posizione geografica della regione. Bend, invece, non solo è una piccola regione, ma è anche una cittadina in cui molti abitanti hanno difficoltà ad ottenere una connessione veloce ad internet, rendendo così difficoltoso l’accesso allo streaming e alle piattaforme di video ondemand. Per questo chiunque voglia vedere l’ultimo film di Von Trier o il vincitore del premio Oscar deve, necessariamente, recarsi a questo negozio, unico sopravvissuto al mondo senza aver dovuto ricorrere al franchising.