Samsung si ritira, il Blu-ray è destinato a sparire

Condividi l'articolo

È la fine del Blu-ray? Forse.

Dalla Corea giunge notizia che il colosso Samsung ha deciso di non produrre più lettori Blu-ray.

L’abbandono sarà lento e graduale, Samsung garantisce il supporto per gli acquirenti dei lettori ancora in commercio. L’ultimo potrebbe essere il recente lettore Samsung UBD-K8500.
Dall’altra parte Sony e Panasonic potrebbero occupare lo spazio commerciale di Samsung, infatti hanno intenzione di produrre nuovo device con supporto Dolby Vision.

Blu-ray logo
Blu-ray logo

La domanda che tutti si pongono adesso è: questa mossa di Samsung determinerà la fine del Blu-ray?

Il mercato dei Blu-ray ha sempre avuto vendite piuttosto scarse, il DVD non è mai del tutto sparito e le famiglie non hanno mai fatto veramente un upgrade verso l’alta definizione che, per essere apprezzata in toto, ha bisogno di un lettore dedicato, un impianto audio nuovo e sopratutto un televisore ad alta definizione. Il Blu-ray, probabilmente, non si è mai affermato del tutto anche a causa dei frequenti rinnovamenti tecnologici: i continui upgrade hanno prorabilmente disincentivato il pubblico ad investire, sia per mancanza di risorse economiche che per la poca volontà di rimanere aggiornati. Tutto cambia troppo in fretta.

LEGGI ANCHE:  Ju-On: Origins, in arrivo la serie di The Grudge su Netflix [VIDEO]

Adesso con l’arrivo dello streaming, con le piattaforme di Netflix e Amazon Prime Video e le imminenti Disney+ e Warner Bros. tutto potrebbe precipitare. Film, documentari e serie TV sempre disponibili online, persino nuove attesissime uscite come il prossimo film di Breaking Bad (leggete la notizia qui). Il mercato del Blu-ray, già fortemente provato, sembra quindi destinato a farsi ogni giorno più piccolo e dedicato esclusivamente ad una nicchia particolarmente affezionata.

Ovviamente siamo in attesa di dichiarazioni ufficiali da parte di Samsung.

Leggi anche: Netflix: allarme sparatoria, evacuata la sede

Continua a seguirci su Lascimmiapensa.com per altre news e approfondimenti.