Netflix: allarme sparatoria, evacuata la sede

Netflix
Condividi l'articolo

Momenti di panico nella sede Netflix di Hollywood

Le televisioni e i giornalisti americani hanno riportato quanto successo nella sede Netflix di Hollywood (Sunset Bronson Studios) lo scorso giovedì pomeriggio: durante una normale giornata di lavoro è stato dato l’allarme perché, a quanto pare, si aggirava un uomo armato. Il quartier generale della TV leader dello streaming è stato immediatamente circondato da auto della polizia, è stato anche inviato un elicottero che ha sorvolato la zona intorno all’edificio. I dipendenti Netflix sono stati fatto uscire prontamente dall’edificio con l’ordine di allontanarsi a piedi.

Anche diversi post sono stati pubblicati sui social, ve ne mostriamo solo alcuni:

Successivamente, dopo i controlli il sospettato è stato arrestato. Alcune fonti come la CBS riporta che l’uomo sarebbe un ex dipendente del colosso dello streaming e che fosse davvero armato. Sembra che poi invece la polizia non abbia trovato alcuna arma addosso all’uomo.

LEGGI ANCHE:  Ondata di Netflix agli Emmy Awards, 91 nominations per i prodotti della piattaforma

Leggi anche: Warner Bros. pronta a lanciare il suo servizio di VOD, toglierà i suoi prodotti da Netflix

Jenna Marotta, manager delle comunicazioni Netflix, ha dichiarato ufficialmente che:

“Gli elicotteri sono sopra le nostre teste, la polizia è ovunque. Le strade chiuse. Gli impiegati sono stati evacuati da un edificio a un altro. Proprio qui un collega sta chiamando la nonna per rassicurarla. Un altro giorno di paura in America.”

La notizia è stata riportata sia da The Hollywood Reporter che da Variety In diretta KTLA 5 News ha mandato aggiornamenti e video in tempo reale. Vi proponiamo il video in diretta dalla loro pagina Facebook ufficiale:

Leggi anche:

LEGGI ANCHE:  Love Death And Robots 2, la Recensione della serie sci-fi Netflix

Breaking Bad il film sequel sarà disponibile su Netflix

Scadenze Netflix, ecco i titoli che verranno rimossi a febbraio 2019

Scriveteci cosa ne pensate e continuate a seguirci su Lasciammiapensa.com.