10 film dove il colore è protagonista – Il colore come narratore

Condividi l'articolo

4. In the mood for love – Wong Kar-wai (2000)

10 film dove il colore è protagonista

10 film dove il colore è protagonista

Prima caldi e coinvolgenti, accesi come l’amore che provano i due amanti, poi freddi e spenti di fronte ai problemi della vita, a cui i sentimenti si devono piegare. L’Opera di Wong Kar-wai fa un uso sapiente dei colori andando a completare quello che le parole non dicono o non riesco ad esprimere con intensità. Se nei momenti romantici o piacevoli sono le cromie tendenti al rosso a predominare la scena, in quelli malinconici divengono invece più presenti dei colori freddi. Una scelta stilistica in grado di parlare al subconscio dello spettatore, influenzandolo maggiormente su quello che sta guardando. I colori prescelti da Wong Kar-wai non sono mai totalmente sgargianti, ad eccezione fatta del rosso, simbolo dell’intero film e del rapporto passionale dei due protagonisti.

5. Antiporno – Sion Sono (2016)

10 film dove il colore è protagonista

10 film dove il colore è protagonista

Un film esasperato ed urlato che, attraverso i suoi colori sgargianti ed accesi da voce al genere femminile. Sion Sono realizza un’eccelsa critica alla società giapponese, mettendo sul banco dei testimoni gli uomini e le loro colpe. Il giallo è il protagonista assoluto dell’intera opera, onnipresente in qualsiasi scena e nettamente in contrasto con la scenografia a cui è associato. Se è vero che il colore prescelto dal regista infonde allegria, spazialità ed apertura, allora non può che scontrarsi volutamente con la sceneggiatura e il luogo in cui è stato girato il film, emblemi di prigionia e tristezza. Un contrasto unico ed affascinante, estremamente funzionale e che porta ancora di più al limite un’opera che lo era già di partenza. Quella di Sion Sono è un’opera che raramente si scorda per la bellezza dei colori utilizzati, per la loro vivacità e per come riescono a colpire in piena faccia lo spettatore, soprattutto dove risultano complementari tra loro. Ennesimo messaggio implicito che evidenzia l’instabilità emotiva e conflittuale delle protagoniste.

LEGGI ANCHE:  Dakota Johnson in terapia. Ma non è colpa di "Cinquanta Sfumature".

6. La corazzata Potemkin – Sergej Michajlovič Ėjzenštejn (1925)

10 film dove il colore è protagonista

10 film dove il colore è protagonista

Nell’immenso capolavoro La corazzata Potemkin, tanto odiato dal ragionier Ugo Fantozzi quanto importante per la storia del cinema, c’è solo un colore: il rosso di una bandiera.

L’opera del regista tedesco nasce in un’epoca dove tutti i film erano ancora in bianco e nero e se si voleva aggiungere un colore, lo si doveva dipingere a mano per ogni singolo frame. Una scelta che alla fine avvenne adottata per l’opera di Ėjzenštejn per dare maggiore enfasi e potenza visiva ad un simbolo di libertà e di giustizia. Un rosso che irrompe improvvisamente sullo schermo e che lo fa con una potenza visiva incredibile, soprattutto se rapportata per l’epoca in cui è stata realizzata questa scena. Lo spettatore dover aver visto massacri, soprusi e innocenti morire, rimane quasi abbagliato e destabilizzato da una bandiera colorata, simbolo di giustizia e pace.

7. The Neon Demon – Nicolas Winding Refn (2016)

10 film dove il colore è protagonista

10 film dove il colore è protagonista

Colori sgargianti, accessi, perfettamente accurati e spesso complementari tra loro. Cromie ottimamente equilibrate, che conferiscono maggiore vita alla bellezza delle protagoniste, vero fulcro del racconto di Nicolas Winding Refn. Guardando The Neon Demon è impossibile non rimanere incantati ed estasiati dall’utilizzo delle luci al neon e delle ombre sapientemente utilizzate per rendere ancora più appariscenti i colori messi in gioco. Un critica, che si rivela quasi un omaggio al mondo della moda e della pubblicità. Un’opera che nonostante condanni in maniera intelligente la realtà di cui parla, riesce ugualmente ad esaltarne le forme e i colori che la caratterizzano. La palette cromatica che ha dato vita alla fotografia del capolavoro di Refn, non è altro che figlia della nostra società contemporanea, prodotto di un’epoca dove l’unica cosa che conta è l’apparenza.

LEGGI ANCHE:  Elle Fanning nel prossimo film di Woody Allen?