I 10 peggiori film del 2016 secondo la Scimmia (in ordine di gradimento)

mcu
I 10 peggiori film del 2016 secondo la Scimmia (in ordine di gradimento)

 

Sulla scia della discussa classifica dei migliori film del 2016, la redazione della Scimmia non poteva esimersi dal realizzare i suoi personalissimi Razzie Awards. Non è stato semplice distinguere i più brutti film tra tutto il brutto proposto da un annata non certamente esaltante in termini di opere proposte, ma alla fine destreggiandosi tra buchi di sceneggiatura, rallenties, interpretazioni deplorevoli e lacrima movies abbiamo realizzato la lista dei Peggiori Film del 2016.

Ovviamente era troppo facile tirare in ballo sconosciuti film di serie Z che avevano tutte le scusanti per ritrovarsi in una tale classifica. Al contrario, abbiamo preferito concentrarci su film abbastanza noti.

10) Captain America: Civil War, di Joe Russo e Anthony Russo
[a cura di Aurelio Fattorusso]

Valutazione: 5+/10

“Captain America: Civil War”, sulla carta sequel di “Captain America: The Winter Soldier”, si inserisce in vero nell’universo narrativo che racconta le avventure degli Avengers, in cui trovano spazio diversi personaggi della Marvel, che costituiscono appunto il gruppo dei “vendicatori”, guidati dallo S.H.I.E.L.D. Difatti il film è una prosecuzione naturale di “The Avengers: Age of Ultron”, prendendo le mosse dagli avvenimenti che seguono la catastrofica battaglia di Sokovia. Ora gli Avengers si ritrovano divisi in due schieramenti, a seguito di una legge approvata dalle Nazioni Unite, con l’obiettivo di limitarne l’operatività e i conseguenti danni. Tony Stark/Iron Man sentendosi in colpa per gli avvenimenti di Sokovia sostiene la legge, mentre Steve Rogers/Captain America diffida dai governi mondiali dopo la caduta dello S.H.I.E.L.D., ritenendo che gli Avengers debbano essere liberi di decidere se e quando intervenire. Si delineano così due formazioni di supereroi che si oppongono e si scontrano. Primo della cosiddetta “fase tre” della Marvel Cinematic Univers, il film si configura come una parziale trasposizione cinematografica del fumetto “Civil War”. Tralasciando le opere letterarie di riferimento ed esaminando il film nella sua autonomia esistenziale, Captain America: Civil War si dimostra l’ennesimo cliché, sulla falsariga di tutti i prodotti del Marvel Studios, dei quali si potrebbe dire “visto uno, visti tutti“. Il film poggia sullo stesso umorismo, che tenta di adattare una storia che dovrebbe essere dalle tinte scure al grande pubblico, rendendolo una sorta di ibrido mal riuscito in bilico tra commedia e cinecomic. Gli straordinari effetti speciali, le esplosioni e le scene di combattimento mozzafiato tra supereroi si dimostrano essere l’unico punto di forza del film, e dell’intera serie. Non priva di idee e contenuti che tuttavia vengono oscurati dalle ambizioni commerciali della pellicola, rendendo il tutto tollerabile per la maggioranza di quel pubblico interessato solo al divertimento e alla distrazione (cosa buona e giusta), ma di fatto il film si dimostra un prodotto mediocre, seppure il migliore nel suo genere confrontandolo con gli altri film della serie.