5 motivi per vedere Sons of Anarchy

Condividi l'articolo

Sons of Anarchy è una serie tv statunitense andata in onda dal 2008 al 2014 ideata dal regista Kurt Sutter (co-autore di The Shield). Una serie unica e originale che è riuscita a creare una delle storie più complesse e intricate della storia dell’ambiente televisivo. Una epopea che riesce a far rivivere le atmosfere di Easy Rider.

La trama dell’opera è articolata intorno alla complessa vita di un Club di motociclisti i SAMCRO (Sons of Anarchy Motorcycle Club Redwood Original) in una piccola e sperduta cittadina immaginaria della California : Charming. In particolare la vicenda assume il punto di vista di Jax Teller (Charlie Hunham) vice-presidente del club, che vive una vita da fuorilegge fra traffico di armi e risse da bar. Un giorno il giovane Jax riporta alla luce un antico manoscritto del padre defunto, nonché fondatore del club, in cui sono riportati tutti i suoi pensieri e ideali anarchici insieme a una diversa visione del club lontano dal crimine e della violenza. Con la travagliata nascita del suo primogenito Jax si convince a seguire le idee del padre cercando un avvenire diverso per il club, tutto ciò però lo porterà allo scontro con gli altri sons, i suoi confratelli e con la sua famiglia.

LEGGI ANCHE:  Ecco il trailer di Mayans MC, lo spinoff di Sons of Anarchy!

Nonostante non abbia ricevuto molti riconoscimenti, Sons of Anarchy ha ottenuto un enorme successo, diventando una delle migliori serie tv di sempre grazie a un ritmo incalzante, un crescita continua di emozioni dal primo all’ultimo episodio, una serie che a differenza di molte altre non diminuisce mai di intensità e che riesce nell’arduo compito di stupire sempre senza annoiare. Ecco a voi quindi 5 motivi per non perdersi Sons of Anarchy:

1. Un Dramma Shakespeariano

sons of anarchy

La tragedia shakespeariana costituisce le fondamenta dell’opera, Jax Teller è la trasposizione di Amleto mentre il manoscritto (Vita e morte dei SAMCRO) del padre morto in circostanze misteriose  è la riproposizione fisica del defunto padre del principe Amleto. Come Amleto Jax ha un diritto ereditario alquanto ingombrante e difficile da gestire:  non è il regno di Danimarca, ma un club di motociclisti il cui principale impiego è il traffico di armi. Jax è il principe di un regno di caos e violenza, un eredità che non ha mai voluto. Opie Winston (Ryan Hurst) è l’Orazio, l’amico fraterno che sostiene ed aiuta Jax, emblema di amicizia sincera ed eterna. La madre di Jax, Gemma (Katey Sagal), è la “regina” manipolatrice che dopo la morte del padre di Jax ha sposato il nuovo leader dei Sons:  Clay – Re usurpatore (Ron Pearlman).

LEGGI ANCHE:  Jax Teller tornerà in Mayans M.C.? La risposta di Charlie Hunnam

La storia d’amore tormentata fra Jax e Tara (Maggie Siff) invece è altro un chiaro riferimento a Shakespeare: come Romeo e Giuletta la loro relazione viene ostacolata dalla differente posizione sociale:  lei medico-chirurgo di successo che vuole allontanare il giovane principe del caos dalla violenza, ma che inevitabilmente vi si ritrova a sua volta coinvolta.