15 curiosità su Bruce Lee

Il 20 luglio 1973 moriva Bruce Lee. In questo modo, il mondo perdeva l’uomo ma accoglieva il mito, tra l’icona pop e il personaggio storico. Come Che Guevara, Marilyn, Maradona, Bowie, Muhammad Ali.

Oggi, nel giorno delll’anniversario dalla morte di questo stupefacente combattente, vi proponiamo quindici curiosità, tra le serie e il faceto, che tentino di delineare il ritratto di un uomo di cui si è parlato tanto e che ancora, in futuro, se ne parlerà. Il piccolo drago vive nella memoria collettiva come un eroe, soprattutto per le sue gesta da uomo più che da mito, poiché Bruce Lee non era un attore, Bruce Lee era Bruce Lee, ed ogni cosa che faceva, dalla filosofia alla teoria delle arti marziali, facevano parte del tutt’uno. Kato, Chen,  Li Tsung, Mr. Lee sono solo i nomi dei personaggi, sullo schermo c’è solo Bruce Lee, nessuna interpretazione attoriale, solo la messa in opera di sé.

senza dilungarci troppo in considerazioni su un uomo di cui si è scritto e detto tanto, ecco la nostra raccolta di curiosità per ricordare lo spirito del Dragone.

P.S. qui potete trovare il video di recente restaurazione in cui potete ammirare tutta la forza della leggenda cinese.

1. Le lettere

Bruce Lee è stato per gran parte della sua breve vita in giro per il mondo. Per comunicare aveva deciso di utilizzare le lettere, poiché, secondo Linda, sua moglie, le telefonate intercontinentali costavano troppo, e anche, ovviamente, perché Bruce amava scrivere. Sono tantissime le lettere che il pubblico può leggere in varie raccolte pubblicate negli anni, una vita descritta nei suoi minimi dettagli, dalle preoccupazioni per il cane all’ingaggio “americano” per I tre dell’Operazione Drago. Una vita messa su carta che aiuta a capire meglio la personalità del piccolo drago. E da cui derivano buona parte di queste curiosità, ovvero dalla mano di Bruce Lee.