Shannon Lee torna ad attaccare Tarantino

Durante una recente intervista con The Teòegraph, Shannon Lee è tornata ad attaccare Tarantino per la sua rappresentazione del padre Bruce

Shannon Lee
c'era una volta a hollywood: Mike Moh nella scena che ha offeso Shannon Lee
Condividi l'articolo

In C’era una volta a Hollywood, ultimo film di Quentin Tarantino del 2019, è stata fatta una rappresentazione sbruffona ed arrogante di Bruce Lee che ha mandato su tutte le furie la sfiglia Shannon Lee. La donna nel corso degli anni non ha mancato di sottolineare quanto la scena con suo padre l’abbia infastidita e, recentemente, è tornata a discuterne con The Telegraph.

È interessante. In realtà non lo so – dice Shannon Lee riguardo al ragionamento dietro il controverso ritratto di Bruce Lee da parte di Tarantino. Non ho mai incontrato [Tarantino]. Non so quali siano i suoi problemi con mio padre. Chiaramente, pensa che mio padre sia cool, perché ha preso molto in prestito da lui. 

Ma allo stesso tempo, penso che gli siano state raccontate molte storie da persone che hanno incontrato mio padre e hanno avuto un’impressione negativa. Lo hanno trovato eccessivamente. Devo dire, secondo la mia esperienza, che le storie provengono principalmente da uomini bianchi. Penso che a Quentin siano state raccontate molte di quelle storie alle quali lui crede. Penso che molte persone considerassero mio padre un arrogante

C’era una volta a Hollywood presenta una scena in cui il personaggio stuntman di Brad Pitt, Cliff Booth, sfida Bruce Lee (interpretato da Mike Moh nel film) a combattere sul set di Il Calabrone Verde. Bruce appare arrogante nel film e la lotta include un momento in cui Cliff lo lancia in una macchina. Shannon Lee inizialmente condannò Tarantino per aver ritratto suo padre come uno “stronzo arrogante pieno di aria fritta“, ma Tarantino difese la rappresentazione perché era un racconto di fantasia e perchè “Bruce Lee era persona arrogante” in base alle ricerche che fece.

LEGGI ANCHE:  C'era una volta a Hollywood, storie vere: stuntman vs Bruce Lee

È un peccato perché [il film di Tarantino] ha dato inizio a questa narrazione in cui alcune persone dicono: “Oh, Bruce Lee era uno stronzo”, ha detto in seguito Shannon Lee al South China Morning Post dopo l’uscita del film. Tutti possono essere degli stronzi a volte. Posso essere arrogante e arrabbiato nella mia vita: è qualcosa che direi che sono in generale? No, mio ​​padre generalmente non era così. Era estremamente appassionato e motivato.

Che ne pensate?

Seguiteci su LaScimmiaPensa