5 grandi interpretazioni di Chow Yun-Fat

Condividi l'articolo

3) God of Gamblers – Wong Jing, 1989

Chow è ormai un attore di fama consolidata, soprattutto ad Hong Kong. Tra la fine degli anni ’80 e gli anni 90′ lavora a moltissimi progetti. Nel solo ’89 arriva a recitare in 7 pellicole, tra cui “The Killer” di John Woo e “God of Gamblers“, diretto da Wong Jing. In questo film Yun-Fat interpreta il “Dio” delle scommesse, un uomo misterioso con la mania del cioccolato pregiato e imbattibile in tutti i giochi su cui è possibile scommettere denaro. A causa d’un incedente, però, sbatte la testa e perde la memoria. Verrà aiutato da una sgangherata banda (che aveva preparato la trappola per far cadere un’altra persona), che se in un primo momento, accortasi del potere dell’uomo, cercherà di sfruttarlo per arricchirsi, successivamente lo aiuterà a sventare il complotto ordito dal suo cugino.

Anche qui, la prestazione di Chow regge gran parte del film. Viene però sdoppiata: nella prima parte (e quella finale) vediamo il “Dio”, un uomo affascinante, sempre sorridente, sicuro di sé. Chow fa la parte del duro, ruolo che gli riesce sempre bene. Quando però il suo personaggio perde la memoria sembra di vedere un attore completamente diverso. Il registro cambia bruscamente, dimostrando ancora una volta la sua duttilità, che spesso nei ruoli nei film di Woo non si poteva notare.

LEGGI ANCHE:  Quentin Tarantino: "The Social Network è il miglior film degli ultimi 10 anni"

Da sottolineare, per quanto concerne gli altri interpreti, la presenza di Andy Lau, che proprio in quel periodo cominciava a farsi notare nell’ambiente cinematografico di Hong-Kong.