Schwarzenegger ricorda la sua difficile infanzia in Austria

In un'intervista con TMZ, Arnold Schwarzenegger ha ricordato la sua difficile infanzia vissuta in Austria

Arnold Schwarzenegger, fubar
Condividi l'articolo

Parla Arnold Schwarzenegger 

Arnold Schwarzenegger e Sylvester Stallone si sono seduti per un’intervista congiunta un’ora organizzata da TMZ. Uno degli argomenti trattati nella chiacchierata ha riguardato l’infanzia difficile dei due attori.

Schwarzenegger ha detto di essersi identificato con il discorso fatto da Robert Downey Jr quando ah vinto il premio Oscar come miglior attore non protagonista, in cui ha riconosciuto di aver avuto un’ “infanzia terribile”. L’ attore Oppenheimer ha infatti iniziato il suo discorso così: “Vorrei ringraziare la mia terribile infanzia e l’Academy, in quest’ordine”.

Ho potuto identificarmi immediatamente con questa cosa – ha detto Schwarzenegger. Perché ha attraversato difficoltà e dolore – non conosco esattamente la storia. Ma per lui ringraziare la sua schifosa educazione significa che lo ha motivato e lo ha spinto ad andare in una direzione diversa invece di rimanere in quella schifosa situazione.

Schwarzenegger ha inftti ricordato di essere cresciuto in Austria con un padre violento e alcolizzato, che era un veterano di guerra rimasto “arrabbiato” e con “molto dolore”.

Se fossi cresciuto come fanno alcune persone con tutto l’amore del mondo, non avrei mai lasciato casa – ha detto la star di Terminator. Sarei rimasto in Austria. Non è il tipo di vita che mi avrebbe reso felice… Penso che ciò che mi ha spinto è stato il bisogno di creare il mio mondo; dovevo uscire da quella miseria che avevo a casa. È stata una benedizione in un certo senso

Stallone ha quindi risposto:

LEGGI ANCHE:  Arnold Schwarzenegger: "Oscar noiosi, prossimo anno in spiaggia"

Tu ed io non avevamo scelta. Stavamo per fare qualcosa. Tu sei scappato nel body-building, io sono scappato nel cinema perché non ero troppo contento della realtà. Ho detto: “Questo è il mio mondo perché quello vero non mi piace”

Che ne pensate?

Seguiteci su LaScimmiaPensa