Baby Reindeer e LOST sono collegate? L’inquietante teoria

I numeri della serie 4 8 15 16 23 e 42, che avevamo già incrociato in LOST, tornano nell'acclamata serie tv Netflix. Ecco perché.

LOST e Baby Reindeer
Condividi l'articolo

Non c’è dubbio che Baby Reindeer sia la serie tv del momento. Con oltre 13 milioni di visualizzazioni, la miniserie basata sulla vera storia del suo protagonista Richard Gadd esplora lo stalking mescolando vittima e carnefice in un turbinio di emozioni che lasciano lo spettatore a bocca aperta alla fine di ogni singola puntata. In 7 episodi, infatti, veniamo trascinati nella mente dei due personaggi, Donny e Martha, ognuno dei quali reduce da traumi del passato che condizionano pesantemente la loro vita attuale. Una cosa che in pochi sanno, però, è che in Baby Reindeer ci sono dei chiari riferimenti ad un’altra serie cult del passato, LOST. Scopriamo perché.

La trama di Baby Reindeer e i riferimenti a LOST

baby reindeer lost
La serie di numeri in LOST

Come anticipavamo, la miniserie esplora lo stalking di una donna ai danni di un uomo. In effetti, il creatore e protagonista della serie, Richard Gadd fu davvero vittima di persecuzione da parte di una donna quando era ventenne. Lo show è ispirato all’omonimo spettacolo teatrale che lo stesso Gadd ha portato in scena a Edimburgo e ha poi trasformato nella miniserie Netflix che sta facendo faville anche in Italia.

Ma che c’entra LOST con Baby Reindeer? Un canale su Tiktok ha pubblicato un video in cui mostra l’indirizzo email di Martha, la donna che stalkera Donny in Baby Reindeer. Ebbene, l’indirizzo vi riporterà alla memoria una serie di numeri rimasti nella storia di LOST: ma4815162342@yahoo.com. Sì, avete proprio capito bene.

LEGGI ANCHE:  5 film sullo stalking da vedere se avete apprezzato Baby Reindeer [LISTA]

Ricordate quando in LOST, Hugo vince la lotteria giocando proprio quei numeri (4 8 15 16 23 42)? In LOST, però, sullo stesso Hugo si riversarono sfortune e calamità dopo la fortunata vincita in denaro. Alla fine della serie, fra l’altro, si verrà a sapere che proprio quei numeri corrispondevano ai candidati a sostituire Jacob come protettore dell’isola più famosa della tv, oltre a rappresentare i coefficienti dell’equazione che prevede l’estinzione degli esseri umani.

La stessa serie di numeri di LOST

Non c’è dubbio che il canale di @indigoreports abbia scovato un easter egg a dir poco scioccante, in Baby Reindeer. Come viene spiegato nel video, le migliaia di email che Martha invia continuamente a Donny nel corso della serie provengono tutte da questo indirizzo inequivocabile, dove il “Ma” che precede i numeri è chiaramente l’abbreviativo di Martha. Ma non c’è dubbio che i numeri siano gli stessi usati in LOST che vediamo sia per quanto riguarda il biglietto della lotteria di Hugo nella prima stagione, sia nel famoso bunker del progetto Dharma dove c’era un computer nel quale dovevano essere inseriti quegli stessi numeri per impedire una catastrofe.

LEGGI ANCHE:  Baby Reindeer: ecco dove vedere l'intervista della "vera" Martha con Piers Morgan

Ma perché compaiono gli stessi numeri di LOST in Baby Reindeer? Al momento non ci è dato sapere se questa scelta sia voluta (molto probabile) o se sia frutto del caso. Secondo le teorie dei fan più accreditate, le due storie si svolgerebbero nello stesso universo narrativo e sarebbero quindi collegate. Altri, però, credono che questa coincidenza sia stata studiata dallo stesso Gadd, che con il suo umorismo tagliente e spesso anti-comico ha ancora una volta depistato noi spettatori. D’altronde nel corso della miniserie Donny cerca spesso di svoltare come comico, ma a più riprese gli fanno notare che le sue battute non fanno affatto ridere, anzi.

Beh, se anche voi siete rimasti scioccati da questo incredibile collegamento tra LOST e Baby Reindeer, vi invitiamo a dare un’occhiata al nostro articolo in cui spieghiamo per filo e per segno il vero significato del finale di Baby Reindeer. Lo trovate a questo link. Buona lettura e fateci sapere cosa ne pensate nei commenti qui sotto.

Seguici su LaScimmiaPensa!