Pulp Fiction, il cast si riunisce dopo 30 anni [FOTO]

Pulp fiction
Condividi l'articolo

Il cast di Pulp Fiction di nuovo insieme

L’amore dei fan di tutto il mondo per Pulp Fiction, capolavoro di Quentin Tarantino del 1994 non ha assolutamente limiti nè confini. Per questo motivo le persone sono rimaste estasiate nel vedere il cast riunito per celebrare il 30° anniversario del film come parte del TCM Classic Film Festival. Sul red carpet hanno sfilato John Travolta, Samuel L. Jackson, Uma Thurman e Harvey Keitel, quattro de componenti di uno dei cast più leggendari di sempre.

Gli attori di Pulp Fiction hanno divertito la folla di cinefili raccontando aneddoti sulle loro prime impressioni su Tarantino. Jackson ad esempio ha ricordato il provino per il ruolo di Holdaway in Le Iene che alla fine è andato a Randy Brooks e ha affrontato Tarantino dopo essere rimasto sbalordito dal prodotto finito al Sundance.

Travolta ha invece rivelato che Tarantino gli ha chiesto di giocare al gioco da tavolo “Bentornato, Kotter” durante il loro primo incontro e ha detto che ha firmato per Pulp Fiction dopo aver rifiutato un ruolo in Dal tramonto all’alba perché “non è un ragazzo vampiro.”

LEGGI ANCHE:  Stallo alla messicana: i 10 film migliori

Keitel ha scherzato dicendo che un giovane Tarantino al verde faceva spesso irruzione nel suo frigorifero durante i loro primi incontri su Le Iene. Ma nonostante tutte le battute, gli attori sono stati piuttosto seri quando hanno ricordato le loro entusiastiche reazioni iniziali alla sceneggiatura di Pulp Fiction.

Guardando tanti film, a un certo punto ti accorgi che un attore parla solo per un terzo del film. Il resto del film è gente che fa merda – ha detto Jackson. Quando ho letto la sceneggiatura, ho pensato ‘È fantastico’… Parte del motivo era che questi personaggi parlavano tra loro di cose. Venivo dal teatro, ed è quello che facciamo a teatro. Non abbiamo il vantaggio di salire in macchina e guidare! Quindi ero felicissimo di poter parlare così tanto.

Travolta ha fatto eco ai sentimenti di Jackson riguardo alla forza della scrittura, ma ha anche aggiunto che la vera forza di Tarantino potrebbe risiedere nella sua capacità di dirigere gli attori in un modo unico.

LEGGI ANCHE:  20 Curiosità su Pulp Fiction

Era una sceneggiatura innegabilmente articolata – ha detto Travolta. Le parole uscivano senza sforzo. L’unica vera nota di Quentin era che a volte aveva un’idea della cadenza con cui voleva che dicessi qualcosa. Proprio come con Tennessee Williams o qualsiasi grande scrittore, la scrittura funziona sempre, ma lo scrittore potrebbe avere un’idea personale e soggettiva di come le cose dovrebbe essere detto. Mi piace questo tipo di direzione

Thurman ha spiegato che è quasi impossibile per lei definire l’impatto che Pulp Fiction ha avuto su di lei come artista, perché il suo effetto sull’industria cinematografica è stato così profondo che ogni film successivo ne è stato influenzato in un modo o nell’altro.

Ha cambiato il cinema – ha detto l’attrice. Mi sento come se avessi avuto un rapporto in evoluzione, bello e crescente con ‘Pulp Fiction’ per tutta la mia vita. Ha cambiato ogni regista che ho incontrato da allora.

Che ne pensate?

Seguiteci su LaScimmiaPensa