Demi Lovato si fa chiamare di nuovo “lei” perché stufa di spiegare alla gente “essi/loro”

Demi
Condividi l'articolo

Ecco perché Demi Lovato ha rinunciato definitivamente ai pronomi per le persone non-binarie. Semplicemente, pare, si è stufata di doverli spiegare a tutti

Da qualche mese Demi Lovato ha deciso di tornare all’adozione dei pronomi femminili she/her (lei), da lei rigettati in passato in favore di quelli utilizzati per le persone di orientamento non-binario, i famosi they/them (essi/esse/loro). La scelta, spiega ora, pare essere derivata semplicemente dalla frustrazione di dover spiegare il concetto a tutti.

“Dovevo costantemente educare la gente e spiegare perché mi identificavo con quei pronomi. Era assolutamente estenuante, ed è una delle ragioni che mi hanno portata ad essere a mio agio anche [solo] con il pronome femminile. Semplicemente, mi sono stancata. Ma è per questo che so che è importante continuare a diffondere il verbo”.

Sulle difficoltà incontrare per via del suo orientamento, ha spiegato: “Mi ci trovo di fronte ogni giorno. Per esempio nei bagni pubblici, avere accesso al bagno delle donne anche se non mi ci identifico appieno. Mi sentirei più a mio agio in un bagno genderless. O succede quando si compilano i documenti, come quelli governativi o dove devi specificare il tuo sesso”.

LEGGI ANCHE:  Demi Lovato - Dancing with the Devil | RECENSIONE

“Hai solo due opzioni, uomo e donna, e mi sento che niente di tutto ciò ha senso per me. Sono condizionata a scegliere donna perché non c’è nient’altro. Penso che questo debba cambiare. Si spera che con il tempo ci saranno più opzioni. Che ne pensate? Fatecelo sapere su LaScimmiaSente.

Fonte: UniLAD