Liam Gallagher: “Con i social gli anni ’90 sarebbero stati una me*da”

Liam
Condividi l'articolo

Liam Gallagher sostiene che se negli anni ’90 ci fossero stati i social: “Saremmo finiti tutti in prigione”

Liam Gallagher non fa giri di parole rispondendo ad una fan che gli domanda: “Quanto differenti pensi che sarebbero stati gli anni ’90 se ci fossero stati i social?” Replica: “Sarebbe stata una merda, saremmo tutti [finiti] in prigione“. Ovvio che il cantante si riferisce soprattutto alla Cancel Culture, sulla quale ha già espresso le sue perplessità con altrettanta onestà.

“Chi cazzo sono queste persone che ti cancellano, comunque? Cioè, fuori dai coglioni. A meno che non vengano attorno alla tua casa a dire che sei cancellato tu continui a fare le tue cazzo di robe. Loro non parlano per tutti, o sì? La gente che cancella parla solo per il mondo cancellato, non per tutti”.

Leggi anche – Paramore, This Is Why: la paura dei social e la violenza delle parole

>

LEGGI ANCHE:  Liam Gallagher scrive alla donna ferita al concerto

“Puoi ancora andare e fare le tue date, c’è gente là fuori alla quale piacerà ciò che hai da dire. Fatevi sotto, stronzi quadrati!” Non è il solo a pensarlo così e di fatto anche in risposta alla Cancel Culture molte celebrità negli ultimi mesi hanno annunciato la diserzione di Twitter e dei social, in fuga dal clima avvelenato che vi vige.

Nel frattempo, reduce dal successo del suo terzo album da solista uscito l’anno scorso, C’MON YOU KNOW, Liam si sta godendo il suo momento di gloria con il grande riscontro della sua attività dal vivo in Gran Bretagna e le prime anticipazioni di un quarto album, che a quanto sembra potrà uscire prima di quanto ci aspettiamo.

Fonte: NME

Continuate a seguirci su LaScimmiaSente

Leggi anche – M83: “Faccio fatica con il mondo moderno, non mi piace mostrarmi”