Indiana Jones: Spielberg manda i regali a Natale a Quan

Ke Huy Quan, volto di Shorty in Indiana Jones e il tempio maledetto ha raccontato che Spielberg gli manda ancora i regali di Natale

indiana jones
Condividi l'articolo

Sono passati ormai 38 anni da quando nei cinema arrivò Indiana Jones e il tempio maledetto, secondo leggendario capitolo dela saga dedicata al carismatico archeologo interpretato da Harrison Ford. Il film introdusse uno dei personaggi più iconici dell’intero film, il brillante Shorty interpretato da Ke Huy Quan. L’attore, ore impegnato nel tour stampa per la stagione dei premi a sostegno di Everything Everywhere All at Once ha parlato col Guardian di quella sua prima esperienza cinematografica spiegando come il regista Steven Spielberg ancora oggi gli invii un regalo ad ogni Natale.

Mi ha dato il mio primo lavoro e, tanti anni dopo, non mi ha dimenticato ha detto Quan. Ogni volta che ho avuto bisogno di aiuto, lui c’è sempre stato.

Spielberg è stata la prima persona a mettere una faccia asiatica in un film di successo di Hollywood. Shorty è divertente, è coraggioso, salva il culo a Indy. Allora era una rarità. Per molti anni dopo, siamo tornati al punto di partenza.

Spielberg ha mantenuto brillante la carriera di attore di Quan da bambino facendolo entrare nel 1985 nel cast de I Goonies, dove interpretava Data

LEGGI ANCHE:  Indiana Jones 5, Ford: "Non pensavo fosse necessario"

In Indiana Jones ero l’unico bambino, quindi avevo per me tutto l’amore e le attenzioni. In I Goonies ero uno dei sette, quindi lottavo costantemente per attirare l’attenzione. Ma era qualcosa che mi era molto familiare: i miei genitori avevano nove figli. È stato molto divertente, specialmente su quei fantastici set. Andare al lavoro era come andare al parco giochi.

Qualche mese fa Quan è diventato virale per essersi riunito con Harrison Ford per la prima volta dai tempi di Indiana Jones e il tempio maledetto. I due attori hanno scattato una foto insieme al D23, dove Ford era presente per promuovere il quinto film della saga e Quan stava promuovendo la seconda stagione di “Loki”.

Eravamo all’evento D23 e mi è stato detto che Harrison sarebbe stato lì – aveva detto al New York Times il mese scorso. Siamo in questa stanza verde con così tanti attori, produttori e registi, e la persona incaricata di assistermi ha detto: “Harrison Ford è proprio fuori dalla stanza verde. Vuoi andare a salutarlo?”

Mentre mi avvicino, si gira e mi punta il dito contro, e ha quel classico, famoso, scontroso aspetto alla Harrison Ford. Io penso: “Oh mio Dio, probabilmente pensa che io sia un fan e mi dirà di non avvicinarmi a lui”. Ma lui mi guarda e mi indica e dice: “Sei basso?” Immediatamente, sono stato trasportato indietro nel 1984, quando ero un ragazzino, e ho detto: “Sì, Indy”. E lui ha detto: “Vieni qui” e mi ha dato un grande abbraccio.

Che ne pensate?

LEGGI ANCHE:  Indiana Jones 5: Harrison Ford non vuole Chris Pratt nel film