Dahmer, la preoccupazione del web: “Non vestitevi da lui”

Sul web sta crescendo la preoccupazione in vista di Halloween in quanto molte persone potrebbero travestirsi da Jeffrey Dahmer

dahmer
Condividi l'articolo

Halloween si avvicina e con il passare dei giorni si inizia a pensare il costume che si vorrà indossare per festeggiarlo. Tuttavia quest’anno il web è decisamente più preoccupato rispetto agli altri anni a causa dell’enorme successo che Mostro – La storia di Jeffrey Dahmer, miniserie di Ryan Murphy con protagonista uno strepitoso Evan Peters (qui la nostra recensione) ha ottenuto sulla piattaforma. Su Twitter infatti sono moltissimi gli utenti che si sono detti preoccupati dal fatto che qualcuno potrebbe decidere di vestirsi come il Cannibale di Milwaukee. Molti si sono rivolti ai social media per ricordare ad altri che Dahmer, che ha ucciso 17 uomini e ragazzi tra il 1978 e il 1991, non dovrebbe essere trasformato in un’icona della cultura pop.

La costante mancanza di rimorso per le vittime di Dahmer sui social media mi fa credere che molte persone si vestiranno da Jeffery Dahmer e dalle sue vittime per Halloween e questo è così malato – ha twittato una persona.

Non riesco nemmeno a credere di doverlo dire, ma per favore non travestitevi da Jeffrey Dahmer per Halloween – ha scritto un’altra

Una cosa è vestirsi da Michael Myers per Halloween, ma se ti travesti da Jeffery Dahmer (una persona reale che ha stuprato, ucciso e mangiato MINORI) appena avete appena scoperto di lu grazie all’hype Netflix, sei un fottuto WEIRDO ossessionato dalle tendenze

Le persone hanno valide ragioni per essere preoccupate che i fan dello show si lascino tentare da Dahmer come ispirazione dei loro costumi di Halloween. L’anno scorso, un’altra serie Netflix di successo, il pluripremiato dramma coreano Squid Game, aveva infatti generato un’ondata di costumi dedicati allo show con le persone che indossavano le iconiche tute colorate dello show il 31 ottobre.

LEGGI ANCHE:  Dahmer, la madre di una delle vittime contro Ebay

Che ne pensate?

Seguiteci su LaScimmiaPensa