Barbie Girl degli Aqua non sarà nel film con Margot Robbie e Ryan Gosling

Barbie Girl, successo degli Aqua del 1997, non sarà nella colonna sonora del film con Margot Robbie e Ryan Gosling

Aqua
Credits: Aqua / YouTube
Condividi l'articolo

Dopo l’annuncio del film dedicato a Barbie con protagonisti Margot Robbie e Ryan Gosling e dopo il rilascio della prima foto ufficiale (qui per vederla), la domanda che tutti si stanno facendo è: la canzone Barbie Girl degli Aqua sarà nella colonna sonora? Sebbene in molti sperassero nella presenza del brano, questo non ci sarà. A rivelarlo a Variety è stata Ulrich Møller-Jørgensen, manager della frontrunner della band Lene Nystrøm. Questi ha detto laconico: La canzone non sarà usata nel film

Anche se Møller-Jørgensen non ha spiegato il motivo di questa decisione, è possibile che questo vada ricercato nel cattivo sangue che scorre tra gli Aqua e l’azienda di giocattoli Mattel, possessore del marchio Barbie.

Dopo che Barbie Girl divenne un fenomeno nel 1997, vendendo oltre 1,4 milioni di copie negli Stati Uniti Mattel intentò una causa contro la MCA Records che distribuì la canzone negli Stati Uniti, per violazione del marchio.

LEGGI ANCHE:  Barbie, Liu: "Smantellerà stereotipati standard di bellezza"

La Mattel, preoccupata che la canzone potesse danneggiare il marchio Barbie, non era soddisfatta di quelli che consideravano i testi suggestivi della traccia. Descrissea canzonecome su “una Barbie promiscua che canta in un tono civettuolo “e una “bambola Ken licenziosa che risponde ‘baciami qui, toccami lì'”. Hanno anche citato una scena nel video musicale di accompagnamento in cui Ken strappa accidentalmente il braccio di Nystrøm.

In risposta, la MCA Records ha affermato che la canzone era una parodia protetta dal Primo Emendamento. Ha intentato dunque una causa per diffamazione per le dichiarazioni rilasciate da un portavoce della Mattel nel corso della causa.

Tuttavia, il tribunale distrettuale degli Stati Uniti in California respinse le affermazioni di entrambe le parti. Un giudice ha dichiarato che “le dichiarazioni di Mattel erano un’iperbole non perseguibile”. Ha inoltre aggiunto che la canzone è una parodia, che prende in giro sia lei che i valori plastici che rappresenta.

Che ne pensate?

LEGGI ANCHE:  Barbie, Ryan Gosling: "La miglior sceneggiatura che abbia letto"