Uma Thurman: “Ho abortito a 15 anni, la decisione più difficile della vita”

Uma Thurman, in un editoriale sul Washington Post, ha racconto di aver abortito quando aveva solo 15 anni e ha condannato la legge del Texas

uma thurman
Condividi l'articolo

Uma Thurman, in un commovente editoriale scritto sul Washington Post, ha raccontato della sua esperienza con l’aborto, rivelando di averne subito uno appena adolescente, a 15 anni.

Ho iniziato la mia carriera di attore a 15 anni, lavorando in un ambiente in cui ero spesso l’unica ragazza – racconta al’attrice di Kill Bill. Nella mia tarda adolescenza, sono rimasta accidentalmente incinta di un uomo molto più anziano. Vivevo in Europa, lontano dalla mia famiglia, e stavo per iniziare un lavoro. Ho faticato a capire cosa fare.

L’attrice ha spiegato nel dettaglio il suo trauma e il panico causato da una gravidanza non intenzionale, cosa che ha portato anche alla “terribile” conversazione che ha dovuto avere con i suoi genitori, con i quali “non aveva mai parlato di sesso prima”.

Era la prima volta, ed è stato terribile per tutti noi. Mi hanno chiesto dello stato della mia relazione – che non era stabile – e mi hanno avvertito di quanto sarebbe stato difficile crescere un bambino da adolescente da sola. Avevo appena iniziato la mia carriera e non avevo i mezzi per procurarmi una casa stabile, nemmeno per me stessa. Abbiamo deciso come famiglia che non potevo portare avanti la gravidanza e abbiamo convenuto che l’interruzione di gravidanza fosse la scelta giusta . Il mio cuore era comunque spezzato. C’è così tanto dolore in questa storia. È stato il mio segreto più oscuro fino ad ora.

L’aborto che ho avuto da adolescente è stata la decisione più difficile della mia vita, quella che mi ha causato angoscia allora e che mi rattrista anche adesso, ma è stata la strada da percorrere verso la vita piena di gioia e amore che ho vissuto. La scelta di non mantenere quella gravidanza precoce mi ha permesso di crescere e diventare la madre che volevo e dovevo essere.

Nell’aprirsi sulla sua decisione, l’attrice spera che la sua storia ispiri le donne in Texas “che potrebbero provare vergogna per il fatto che non possono proteggersi”.

Uma Thurman ha infatti scritto queste parole a seguito della legge anti aborto in Texas che offre una taglia di 10.000 dollari o più per aver citato in giudizio chiunque – da un genitore solidale al medico – che aiuti a eseguire o procurare un aborto a sei settimane di gestazione o dopo.

LEGGI ANCHE:  Kill Bill 3, Uma Thurman conferma: "Tarantino ha scritto qualcosa"

Sono addolorata che la legge metta i cittadini gli uni contro gli altri, creando nuovi vigilantes che deprederanno queste donne svantaggiate, negando loro la scelta di non avere figli per i quali non sono attrezzati, o estinguendo le loro speranze per la futura famiglia che potrebbero scegliere – ha aggiunto l’attrice.

La Thurman ha concluso con un messaggio di speranza per coloro che in Texas “hanno paura di essere traumatizzati e perseguitati da predatori di cacciatori di taglie”.

A tutte le donne indignate perché i diritti del nostro corpo sono stati presi dallo Stato; e a tutte voi che siete rese vulnerabili e soggette a vergogna perché avete un utero – dico: ti vedo. Coraggio.

Che ne pensate?

In teoria sono un giornalista. In pratica scrivo di cose belle su un sito bellissimo. Perchè dai, nessuno è più fico della Scimmia.