Quentin Tarantino e Uma Thurman hanno parlato di Kill Bill: Vol 3

Kill Bill vol 3
Kill Bill Vol 3 si farà? Parla Tarantino

Buone nuove per tutti gli amanti del Pulp e del suo massimo esponente Quentin Tarantino: Kill Bill Vol 3 potrebbe finalmente vedere la luce

Parola di Tarantino, che durante un intervista con Josh Horowitz durante il podcast Happy Sad Confused ha dichiarato di non aver ancora abbandonato l’idea di un terzo capitolo per Kill Bill. Anzi ha confermato che la settimana scorsa ha affrontato l’argomento con Uma Thurman in persona per cercare un modo di portare il film al cinema. Durante la chiacchierata ha affermato:

“Riguardo Kill Bill Vol 3 io e Uma ne abbiamo parlato recentemente. Se devo essere sincero ci ho pensato parecchio, ne abbiamo parlato appena una settimana fa. Se farò mai un sequel di uno dei miei film quello sarà sicuramente Kill Bill Vol 3”

Leggi anche: Quentin Tarantino: “il mio Star Trek come un Pulp Fiction nello spazio”

In effetti la saga diretta da Tarantino con Uma Thurman protagonista si conclude lasciando parecchie porte aperte ad un possibile sequel. La storia terminava con La Sposa che si allontana insieme alla figlia dopo aver finalmente concluso la sua vendetta, contro Bill e contro tutti quelli che avevano provato a toglierle la vita. Ma i fan più attenti non hanno dimenticato una scena fondamentale: Ovvero quando la Sposa uccide Vernita Green (interpretata da Vivica Fox) davanti agli occhi della figlia piccola. La protagonista guarda la bambina ed esclama:

“Quando sarai grande, se la cosa ti brucerà ancora e vorrai vendicarti, io ti aspetterò”

Sarà forse la piccola Nikki, ormai cresciuta, che proverà a dare del filo da torcere alla implacabile assassina interpretata dalla Thurman? In molti sperano di vedere apparire in Kill Bill Vol 3 anche Maya Thurman-Hawke. La giovane attrice si è fatta subito apprezzare in tutto il mondo per il suo ruolo nell’ultima stagione di Stranger Things. E sono in molti che la vorrebbero vedere recitare nel terzo capitolo della saga al fianco di sua madre. Non ci resta che incrociare le dita e aspettare.