Machine Gun Kelly contro gli Slipknot: “A 50 anni ancora con le maschere”

Condividi l'articolo

Ed è dissing tra Machine Gun Kelly e gli Slipknot

Parte un bel dissing vecchio stile tra Machine Gun Kelly e gli Slipknot. Pur senza fare nomi, il cantante e il frontman degli Slipknot, Corey Taylor, si sono presi a parole a distanza criticando ciascuno le scelte di carriera dell’altro. Ha iniziato Taylor, in una recente intervista.

Odio tutto il nuovo rock per la maggior parte. Odio gli artisti che hanno fallito in un genere e decidono di mettersi a fare rock e penso che lui [quello a cui mi riferisco] sappia chi è”. In effetti la svolta di Machine Gun Kelly, da rapper a improvvisata rock star in stile pop punk inizio millennio, non è passata inosservata.

Ma Kelly, da parte sua, difende il suo diritto di suonare come gli pare e replica a Taylor dal palco della Riot Fest a Chicago: “Hey, sapete cosa sono davvero contento di non star facendo? Avere 50 anni e indossare una cazzo di strana maschera su un cazzo di palco, parlando di stronzate”.

LEGGI ANCHE:  Machine Gun Kelly vuole abbandonare il pop punk per tornare al rap

Poco servirebbe far osservare a Kelly che le maschere fanno parte della storia degli Slipknot e del loro stesso modo di fare musica. Allo stesso tempo, un qualche tipo di divario generazionale è perfettamente comprensibile: che Kelly, classe 1990, veda in Taylor e compagni un po’ solo dei “boomer” legati agli antics nu metal di un’era passata non deve stupire troppo.

Fonte: NME

Continuate a seguirci sulla nostra pagina Facebook ufficiale, La Scimmia Sente, la Scimmia fa.