Diabolik, “Luca Marinelli e Miriam Leone perfetti”, parola dell’editore

Intervistato da Controcultura, Mario Gomboli, direttore di Diabolik si è detto entusiasta del film dei Manetti Bros che ha visto in anteprima

diabolik
Condividi l'articolo

Mario Gomboli, diretto del fumetto di Diabolik ha avuto la possibilità di vedere il film dei Manetti Bros. che avrebbe dovuto uscire al cinema alla fine del 2020 ma che, per i motivi che tutti sappiamo, è stato rimandato a data da destinarsi. Intervistato da Controcultura, l’uomo che lavora al corrispettivo cartaceo del celebre ladro dal 1966, si è detto davvero entusiasta della prestazione degli attori protagonisti.

Miriam Leone nella parte di Eva è perfetta, nonostante ciò che diranno i detrattori – spiega Gomboli. È identica, persino nel modo di muoversi e di ammiccare. Ho visto il film finito, montato, ma senza colonna sonora. E i protagonisti sono azzeccatissimi. Luca Marinelli è il Diabolik migliore che si possa immaginare, non esistendo un sosia. Gli occhi sono i suoi. Forse, ecco, è un po’ troppo serio, accigliato. Qui i registi hanno dato una regolata al Manetti style, che a volte va sopra le righe. E anche Valerio Mastandrea è un ottimo ispettore Ginko. Sì, l’originale è un po’ più giovane. Ma ha imparato a fumare la pipa, che odiava. Persino Serena Rossi mi piace molto nel ruolo di Elizabeth, la prima fidanzata di Diabolik. L’infermiera che poi impazzisce.

Proseguendo con l’intervista, l’uomo direttore della casa editrice Astorina, che dà alle stampe le storie di Diabolik dal 1962, si è detto entusiasta anche del lavoro fatto dai fratelli Manetti alla regia.

LEGGI ANCHE:  Manetti Bros | L'incontro ravvicinato e la preview di Diabolik

Credo che il punto di forza del film sia proprio aver resistito alla tentazione di spostare la storia a oggi, e aver mantenuto l’ambientazione negli anni ’60. Fare indossare una maschera per assumere una nuova identità ha una sua originalità se avviene nel ’62, quando ancora nessuno ci pensava; farlo oggi, dopo Mission impossible, sembrerebbe una brutta copia. Credo siano entrati a perfezione nella parte. Sono stati bravi perché hanno deciso di fare i Manetti che girano Diabolik, e non di girare un Diabolik visto dai Manetti.

Cosa ne pensate? Andrete a vedere, appena possibile, il film? Fatecelo sapere nei commenti.

In teoria sono un giornalista. In pratica scrivo di cose belle su un sito bellissimo. Perchè dai, nessuno è più fico della Scimmia.