HBO Max non rimuove i film di Woody Allen dopo il documentario

HBO Max non rimuoverà dal proprio catalogo i film di Woody Allen a seguito del rilascio del documentario sulle sue diatribe familiari

woody allen, migliori film, io e annie, da vedere
Condividi l'articolo

Su HBO Max è arrivato in questi giorni il primo episodio dei quattro previsi di Allen V Farrow, il documentario che racconta i retroscena della turbolenta relazione tra Woody Allen e Mia Farrow. I due sono stati insieme per 12 anni e la donna è stata spesso inserita nei progetti cinematografici di Allen. Tuttavia la loro storia è finita quando la Farrow nel 1992 aveva scoperto il tradimento del marito con la figlia adottiva Soon-Yi Farrow Previn, con la quale l’attore e regista newyorkese è ancora attualmente sposato.

Subito dopo la fine della loro relazione erano partite le accuse di abusi mosse da Dylan Farrow, figlio di Mia, nei confronti di Woody Allen. Il cineasta ha sempre rigettato ogni accusa, indicando tutta la vicenda come un tentativo di vendetta dell’ex compagna. Tutta queste vicenda ora verrà sviscerata nel documentario di HBO Max che, attraverso una dichiarazione fatta a The Wrap, ha voluto ribadire la sua volontà di non rimuovere i film di Allen dal proprio catalogo, lasciando dunque libertà di scelta alle persone.

LEGGI ANCHE:  Rifkin's Festival: ecco il nuovo film di Woody Allen

Questi titoli rimarranno disponibili nella libreria per consentire agli spettatori di scegliere in maniera informata e autonoma circa la visione dei suddetti – si legge nella dichiarazione.

Anche i registi di Allen V Farrow, Kirby Dick e Amy Zieringm hanno parlato di questo specifico topic in un’intervista con Variety.

Ne parliamo nell’episodio 4 – spiega Ziering. Approfondiremo le decisioni che le persone devono prendere riguardo al consumo del prodotto. È qualcosa con cui molte persone dicono di essere in lotta. Ed è anche per questo che vogliamo che le persone pensino e riflettano su questo. Penso che ci sia molta arte là fuori con complicati background biografici. Invitiamo le persone a prendere le proprie decisioni.

Cosa ne pensate?

In teoria sono un giornalista. In pratica scrivo di cose belle su un sito bellissimo. Perchè dai, nessuno è più fico della Scimmia.