Drew Barrymore su Woody Allen: “Sono stata manipolata”

Drew Barrymore interviene sulla annosa polemica irta di accuse tra Dylan Farrow e Woody Allen

Condividi l'articolo

Drew Barrymore ha recitato in Everyone Says I Love You nel 1996

Anche Drew Barrymore si esprime sulla sempreverde polemica che circonda ormai da anni ed anni Woody Allen. Lo fa per la precisione rivolgendosi a Dylan Farrow, figlia adottata di Mia Farrow, la compagna di Allen, e come tutti sanno protagonista di scandali e accuse a lui rivolte già decenni fa. Nello specifico la Barrymore torna sul suo coinvolgimento nel lavoro del regista risalente al 1996.

“Ho lavorato con Woody Allen. Ho fatto un film con lui nel 1996 chiamato Everyone Says I Love You e non c’era maggior possibilità di avanzamento di carriera che lavorare con Woody Allen. Poi ho avuto dei figli e mi ha cambiata perché ho realizzato di essere stata una di quelle persone che sono state fondamentalmente manipolate per non guardare alla narrativa dietro a ciò che mi veniva detto”.

“E vedo che cosa sta succedendo nell’industria adesso ed è perché tu hai compiuto quella scelta coraggiosa. Quindi, ti ringrazio per questo”. La Barrymore si riferisce all’accusa di molestie da sempre sostenuta da Dylan nei confronti del padre adottivo. Quello che dice sembra significare che l’attrice sostiene di essere stata “ingannata” in qualche modo dal regista.

LEGGI ANCHE:  Woody Allen domina il box-office globale dopo la riapertura dei cinema

La Farrow le risponde così: “Sentire quello che hai appena detto, sto cercando di non piangere ora. Ha così tanto significato perché è facile per me dire: ‘Ovvo che non dovresti lavorare con lui. Lui è un cretino, è un mostro’. Ma trovo incredibilmente generoso e coraggioso che tu dica a me che la mia storia e quello che ho passato siano stati importanti abbastanza per te da riconsiderare il tutto”.

Fonte: Huffington Post