John Dolmayan (SOAD) contro Alexandria Ocasio-Cortez

John Dolmayan ancora all'attacco dei democratici americani

Dolmayan
Credits: The Late Show with Stephen Colbert / YouTube; Avenged Sevenfold / YouTube
Condividi l'articolo

John Dolmayan contro la sinistra, Cancel Culture e… Alexandria Ocasio-Cortez

Proseguono le frecciate di John Dolmayan contro la sinistra americana. Stavolta se la prende nientemeno che con Alexandria Ocasio-Cortez, una delle donne simbolo dello schieramento democratico negli ultimi anni. E non si risparmia, arrivando a definirla semplicemente come “moron”: stupida.

“Sono davvero deluso da un sacco di gente, un sacco di liberali, perché ho molti amici liberali”, dice il batterista dei System of a Down. “Io sono conservatore, come qualcuno potrebbe o non potrebbe sapere. Ma in fin dei conti, cambio la mia opinione sulle cose basandomi sulle informazioni. Quindi ottengo nuove informazioni, rivaluto, guardo le cose e decido sulla base di questo”.

“Voglio ciò che è meglio per tutti, ma voglio che tutti abbiano la libertà di fare queste cose. Non mi piace il grande governo. Non mi piace l’agenda di gran parte delle piattaforme democratiche oggigiorno. Penso che AOC [Alexandria Ocasio-Cortez] sia una stupida. Devo proprio dirlo. Mi piace dirlo in ogni conversazione”.

LEGGI ANCHE:  John Dolmayan contro gli assalitori di Capitol Hill
System of a Down – Protect the Land, 2020

“Quello che sta succedendo proprio adesso con questa stron*ata di Cancel Culture è davvero distruttivo e si ripercuote sempre sulle persone che la scatenano. E dobbiamo stare molto attenti perché negli anni ’50 avevamo una cosa chiamata Maccartismo, in cui gente iper-liberale e molta [altra] gente che era considerata comunista ha in pratica perso l’intera vita”.

Sono ormai mesi che John Dolmayan si esprime su posizioni simili, in questo contrastando quelle dei suoi compagni di band e specialmente di Serj Tankian. Il quale del resto ha parlato di quanto sia difficile lavorare in una band politicamente “divisa”. Dolmayan, tra l’altro, si è detto a più riprese sostenitore di Donald Trump.

Nel frattempo i System of a Down hanno comunque pubblicato due nuovi singoli (qui sopra il video di uno dei due) per sensibilizzare l’opinione pubblica riguardo alla sempre difficile situazione nella loro nativa Armenia. Si parla in particolare della Repubblica di Artsakh e della sanguinosa guerra nella quale è coinvolta.

LEGGI ANCHE:  John Dolmayan (System of a Down): "Black Lives Matter strumento di propaganda dei democratici"

Fonte: Consequence of Sound