John Dolmayan contro gli assalitori di Capitol Hill

John Dolmayan è da anni sostenitore di Donald Trump, ma non ha gradito quello che è successo a Washington

Dolmayan
Credits: These Grey Men / YouTube
Condividi l'articolo

John Dolmayan, noto sostenitore di Trump, condanna senza remore gli eventi di Washington

Negli ultimi mesi ha fatto molto discutere la posizione di John Dolmayan, storico batterista dei System of a Down, a favore di Donald Trump e delle scelte della sua presidenza. Posizione che ha creato diversi dissapori all’interno dello stesso mitico gruppo nu metal, noto negli anni ’00 per essere anti-Bush e anti-establishment.

Dopo l’assalto di Capitol Hill, però, il musicista sembra aver cambiato idea almeno sulle forme più estremiste del movimento pro-Trump. Lo dice chiaramente su Instagram: “Un comizio, una protesta, un dibattito o qualunque attivismo di ogni tipo dovrebbe e può essere condotto pacificamente“.

“Ci sono quelli il cui obiettivo è creare una guerra civile di pensiero e la polarizzazione di cui abbiamo avuto esperienza l’anno scorso ne è la prova. Il nostro paese necessita di dibattito delicato e miglior comprensione delle opposte visioni. Sfortunatamente vedo nel futuro una divisione più grande e meno accettazione di un pensiero alternativo”.

“Leggete semplicemente alcuni dei commenti qui sotto, ve lo mostrerano. Se Biden è di fatto presidente [e lo è] spero che la sua presidenza sia la migliore e io supporterò il paese in ogni maniera possibile, dato che come americano è mia responsabilità e come conservatore è semplicemente la mia ideologia”.

LEGGI ANCHE:  Iced Earth: Jon Schaffer arrestato per la protesta di Capitol HIll

Nel dire questo Dolmayan condivide un manifesto dell’evento di protesta del 6 gennaio. Evento poi scaturito nelle rivolte che abbiamo visto, con le tremende conseguenze che sappiamo. Non è l’unico, tra i repubblicani e i conservatori, ad abbassare ora i toni e a rivedere (parzialmente o del tutto) la radicalità delle proprie idee.

Nel frattempo Donald Trump sta affrontando un collasso di popolarità e mediatico enorme. Declino che dopo l’assalto a Capitol Hill lo ha portato a venir bannato dai principali social media: Facebook, Instagram e Twitter. Dovrebbe restare in carica ancora qualche giorno, ma non si può dire che, anche con questi ultimi eventi, non abbia lasciato il segno.

Fonte: Spin

Continuate a seguirci sulla nostra pagina Facebook ufficiale, La Scimmia Sente, la Scimmia fa.