Angus Young si commuove parlando della demenza senile del fratello

Il commovente ricordo di Angus per il fratello defunto Malcolm

Angus Young
Credits: 60 Minutes Australia / YouTube
Condividi l'articolo

Angus Young ricorda il fratello Malcolm, scomparso nel 2017

Fatica a trattenere le lacrime Angus Young, mitico chitarrista degli AC/DC, mentre ricorda il fratello Malcolm, morto nel 2017 dopo una lunga lotta contro la demenza senile. Condizione che aveva costretto il chitarrista ritmico della band ad abbandonare la formazione già nel 2014.

“Penso che la parte più difficile non sia stata quella della sua morte” racconta il leggendario chitarrista, che oggi ha 65 anni “Quello è stato un po’ un sollievo. La parte peggiore è stata il declino. Quella è la parte difficile. A causa di quello che conoscevi di lui e [dover] vedere poi che quella parte se n’era andata”.

“Vorrei dire, anche fino alla fine, che se io ero lì aveva sempre un grande sorriso. E per me questo è sempre stato fonte di grande gioia” spiega Angus. “Anche se era in quello stato, c’era sempre una gioia in quello. E aveva ancora un certo entusiasmo se gli suonavo la chitarra. Tentava di battere il piede“.

LEGGI ANCHE:  Intelligenza artificiale crea la canzone degli AC/DC "definitiva" [VIDEO]

“Ma sapeva sempre che io ero lì. Quella è stata una grande cosa. Ero lì con lui verso la fine. Gli suonavo un po’ la chitarra e lui era felice ogni volta che lo facevo“. Così termina il racconto di Angus, intervistato a 60 Minutes Australia assieme a Brian Johnson, in collegamento video.

Come sapete gli AC/DC, attivi dal 1973, si sono recentemente riuniti nella formazione originale, comprendente Brian Johnson alla voce, Phil Rudd alla batteria, Cliff Williams al basso e naturalmente Angus Young alla chitarra. Il posto del compianto Malcolm è stato preso da Stevie Young, suo nipote.

Il gruppo ha recentemente pubblicato un album inedito, Power Up, il primo dopo sei anni di assenza. Il disco rivisita con convinzione le sonorità del rock più classico e chitarristico alle quali gli AC/DC hanno abituato i propri fan durante le decadi. Non è il miglior disco dell’anno, ma gli appassionati hanno di che dirsi soddisfatti.

LEGGI ANCHE:  AC/DC - Power Up [RECENSIONE]

Fonte: New Musical Express

Continuate a seguirci sulla nostra pagina Facebook ufficiale, La Scimmia Sente, la Scimmia fa.