Galveston – Finalmente al cinema il film del creatore di True Detective | Recensione

Galveston: dal 6 agosto al cinema il primo film americano di Melanie Laurent tratto dall'omonimo romanzo di Nick Pizzolato, geniale autore di True Detective

Recensione Galveston
Ben Foster e Elle Fanning in Galveston

Galveston: Trama

Alla scoperta di avere una malattia ai polmoni il mondo di Roy, killer professionista, sembra crollare. Come se non bastasse, dopo essere caduto in una trappola architettata dal suo capo, si ritrova a scappare. A fargli compagnia c’è la bella Raquel, una giovane escort che si trovava nel posto sbagliato al momento sbagliato. La fuga lega queste figure con un vissuto fatto di sbagli e sofferenze, cercando ora di redimersi e rimettere insieme i pezzi della propria vita. Tornato nella sua città natale, Galveston, Roy decide di voler aiutare Raquel prima di uscire di scena una volta e per sempre. Dopo il vano tentativo di fare pace con i demoni del proprio passato, Roy tenta l’ultima carta per garantire un futuro alla ragazza.

Cast

  • Ben Foster – Roy Cady
  • Elle Fanning – Raquel
  • Beau Bridges – Stan Ptitko
  • Lili Reinhart – Tiffany

Trailer

Recensione Galveston

Roy Cady e Elle Fanning

A 2 anni dalla realizzazione Movie Inspired porta in Italia Galveston, primo film americano di Melanie Laurent (la brava Shosanna di Bastardi senza gloria), in uscita al cinema il 6 agosto. I nomi sono quelli giusti per creare hype, Nick Pizzolato (il creatore di True Detective) Ben Foster e Elle Fanning; ma presto l’attesa lascia il posto alla delusione. Sì, perché il risultato è piuttosto privo di pathos, fino a snaturare una crime story dalle tinte cupe e drammaticamente amare. A niente vale l’intervento dello stesso Pizzolato che, oltre ad essere autore dell’omonimo romanzo, lavora alla sceneggiatura con lo pseudonimo di Jim Hammett. Il film delude e lascia l’amaro in bocca nonostante tornino le figure e le ambientazioni decadenti che hanno reso celebre True Detective. Né tantomeno riescono ad enfatizzare la drammaticità di questi personaggi sofferenti Ben Foster e Elle Fanning, non del tutto a proprio agio nel ruolo.

Galveston: prevedibile e convenzionale

Sin dalle prime scene si delinea una storia molto convenzionale e prevedibile, che affonda le radici in stereotipi di genere (basti pensare Leòn). Ed ecco allora che ritroviamo personaggi e meccanismi narrativi consolidati che, oltre a puzzare di vecchio, restano piuttosto statici. Roy è appunto il solito killer che, alla scoperta di una malattia, cerca di fare pace con il proprio passato e, sfuggito a una trappola tesa dal suo boss, cerca riscatto. Raquel invece è la classica ragazza scappata di casa con alle spalle una storia di abusi e maltrattamenti, nel posto sbagliato al momento sbagliato. Le strade dei due si incrociano un po’ per caso e altrettanto per caso finiscono per legarsi, in un intreccio di traumi, sofferenze e scelte sbagliate inespresse. In Galveston la Laurent non sfrutta quasi mai, se non il alcuni sprecati momenti di confronto, il potenziale emotivo di figure tanto drammatiche.

Una scena di Galveston

In Galveston non succede nulla

Guardando Glavestone si ha la sensazione che non accada nulla eppure di materiale interessante ce n’era e i tempi dilatati premettevano avvenimenti densi ma concretamente succede ben poco, e seppure si tratti di una crime story, Galvestone è privo di azione e dramma. La Laurent fallisce il suo intento di realizzare un film intimista e fatalmente tragico, i cui conflitti si risolvono in maniera superficiale e approssimativa.  A poco valgono le capacità individuali dei singoli artisti coinvolti, che non sembrano siano riusciti a lavorare insieme con armonia. Vengono annullate la bravura attoriale di Ben Foster o le abilità registiche della Laurent che riesce, tuttavia, a ricreare l’atmosfera cupa e decadente che caratterizza la storia. Complice la fotografia dai toni spenti di Dagmar Weaver-Madsen che infonde un senso di desolazione al vasto panorama texano. Un film forse non da buttare, se non nella somma delle sue parti.

Per altre recensioni, news e approfondimenti sul mondo del cinema continua a seguire Lascimmiapensa.com!