Alexandra Daddario e la scena di nudo in True Detective

Parlando con Men's Journal, Alexandra Daddario ha spiegato l'importanza che la scena di nudo in True Detective ha avuto per la sua carriera

alexandra daddario
Condividi l'articolo

Alcune attrici guardano alle scene di nudo fatte all’inizio della loro carriera in modo non sempre positivo. Tuttavia Alexandra Daddario vede la cosa sotto una luce diversa. Ritiene infatti la tanto discussa scena esplicita fatta in True Detective un punto significativo nella sua carriera. Parlando con Men’s Journal ha infatti detto:

Ho molti pensieri su questo argomento – dice Alexandra Daddario. Per esempio, quando è uscito True Detective ed ero nuda nello show è stato un momento importantissimo per la mia carriera. Il telefono continuava a squillare e ho ottenuto un sacco di lavoro. Penso che prima di allora non fossi stata così consapevole del mio sex appeal. Ho cercato di non prenderlo troppo sul serio. Amo davvero recitare, nel mio cuore sono solo un nerd del teatro, e in un certo senso mi sono detta: “Questo è positivo per la mia carriera” e l’ho accettato. Amo davvero quello che faccio. Mi diverto molto a vestirmi bene e ad interpretare ruoli, e anche sui red carpet, in un certo senso interpreto un ruolo. Ed è fantastico, è divertente, ma cerco di ignorare alcuni degli aspetti più negativi

True Detective sta per entrare nella sua stagione 4. La sua prima rappresenta in particolare un faro per gli show televisivi di alta qualità ed è stato il vero progetto rivoluzionario di Alexandra Daddario. L’attrice ha infatti interpretato Lisa Tragnetti, l’amante di Marty Hart (Woody Harrelson), e il suo personaggio ha lasciato un’impressione duratura sul pubblico per la sua complessità, e l’allora nuova arrivata ha fornito una performance magnetica e ricca di sfumature. Sebbene dunque abbia dovuto affrontare una complessa scena di nudo, è fuori discussione che questa performance abbia lanciato la sua carriera.

LEGGI ANCHE:  Via libera per la terza stagione di "True Detective"

Che ne pensate?

Seguiteci su LaScimmiaPensa