Mad Heidi massacra i nazisti nel sanguinoso e delirante trailer [VIDEO]

Torture con fonduta bollente, accoltellamenti con barrette di cioccolata e coltellini svizzeri. Questo è Mad Heidi.

mad Heidi full trailer

Finalmente arriva il full trailer di un film a dir poco attesissimo. Stiamo parlando del delirante Mad Heidi, una rivisitazione in chiave exploitation del classico cartone animato per bambini. Nessuna signorina Rottermeier ma tanti nazisti pronti a rompere la quiete delle montagne che fanno ciao.

Vendetta tremenda vendetta. Peter non c’è più. La sua testa è esplosa a causa di alcuni maledetti e folli nazisti. Tra torture a base di fonduta bollente, accoltellamenti con barrette di cioccolato, Mad Heidi prepara la sua vendetta. Con un coltellino svizzero.

Presentato come primo film “swissploitation“, Mad Heidi vede gli stessi produttori di un altro capolavoro del genere come Iron Sky. Grazie ad un crowfounding, il film è riuscito a vedere la luce. E due anni dopo la release del primo trailer, ecco il secondo, sanguinoso e delirante full trailer. Due minuti in cui assistiamo ad un delirio completo.

Mad Heidi si propone come ideale sequel del famoso anime per bambini. Heidi ormai è cresciuta e continua a vivere nella baita in montagna. Tuttavia, nel suo mondo, i nazisti hanno vinto la guerra. E hanno ucciso il suo amato amico Peter. Citando direttamente la sinossi ufficiale, “è Kill Bill che incontra Tutti Insieme Appassionatamente“.

Impossibile sperare in una distribuzione nelle sale italiane. Rimane però qualche flebile speranza per un’eventuale uscita in home video o su qualche piattaforma streaming, come Amazon Prime Video. Intanto però, possiamo goderci questo trailer in stile grindhouse, coerentemente con il contenuto e la forma di questo attesissimo Mad Heidi.

Continua a seguirci su LaScimmiaPensa.com per altre news ed approfondimenti!

Lorenzo Pietroletti
Classe '89, laureato al DAMS di Roma e con una passione per tutto ciò che riguardi cinema, letteratura, musica e filosofia che provo a mettere nero su bianco ogni volta che posso. Provo a rendere la critica cinematografica accessibile a tutti, anche al "lattaio dell'Ohio".