Morto Ennio Morricone, addio a una leggenda del cinema e della musica

a 91 anni se n'è andato Ennio Morricone, assoluta leggenda e orgoglio italiano, autore di alcune tra le colonne sonore più belle di sempre.

Byrne
Ennio Morricone (2015) in der Festhalle Frankfurt. Licenza Creative Commons

Questo 2020 continua a rivelarsi davvero un anno funesto non solo per la pandemia da Coronavirus, ma anche per le grandi dipartite che si stanno susseguendo nel mondo dello spettacolo. L’ultimo, in ordine cronologico, è una delle nostre eccellenze. Difatti a 91 anni se n’è andato Ennio Morricone, immenso compositore, direttore d’orchestra oltre che autore di alcune tra le colonne sonore più famose ed amate della storia del cinema. L’uomo si era fratturato un femore qualche giorno fa a causa di una cadute e le conseguenze di quel fatto lo hanno portato alla morte in una clinica romana.

Elencare le gesta di un assoluto gigante come Morricone è pressoché impossibile da fare. Sono oltre 500 le pellicole per le quali ha scritto le musiche. Alcune delle sue creazioni sono oramai divenute leggende anche per chi quei film non li ha visti. In carriera ha vantato anche 2 premi Oscar. Il primo ottenuto nel 2007 e assegnatogli alla carriera, il secondo per aver composto la colonna sonora di Hateful Eight, film di Quentin Tarantino nel 2016.

La musica di Ennio Morricone ha accompagnato la vita molti di noi per tantissimi anni, tanto da essere stato premiato anche al Senato lo scorso gennaio per la sua eccezionale carriera. Per capire l’incredibile effetto che le sue note hanno avuto per noi, basti pensare a quando, durante la pandemia, nel quale il Maestro si era espresso negativamente nei confronto dei flash mob, un chitarrista ha scelto di far riecheggiare nella vuota Piazza Navona uno stralcio de a colonna sonora di C’era una volta in America, capolavoro di Sergio Leon del 1984.

Continua a seguirci su LaScimmiaPensa.com per altre news ed approfondimenti!