Scrubs, cancellati tre episodi a causa del blackface su Hulu

Anche Scrubs sotto l'occhio del ciclone per tre episodi giudicati razzisti. Il creatore è già al lavoro per modificare tutto.

scrubs, turk, jd zach braff, donald faison, scrubs sequel
Condividi l'articolo

Alla polemica legata a Via Col Vento, se ne aggiunge un’altra. Stavolta sotto la lente d’ingrandimento ci è finita Scrubs. In particolare, tre episodi che Hulu ha deciso di cancellare a causa del blackface, pratica ritenuta razzista. Poco importa la chiave parodistica utilizzata nella serie con Zach Braff.

Per chi non lo sapesse, il blackface è un tipo di make-up usato nel XIX secolo affinché non venissero utilizzati attori di colore. In altre parole, un attore bianco veniva truccato per farlo sembrare quanto più possibile somigliante ad una persona di colore, per l’appunto.

Gli episodi di Scrubs incriminati da Hulu sono: My Friend The Doctor, ottavo episodio della terza stagione, My Jiggly Ball, quarto episodio della quinta, e My Chooper Lived, il diciassettesimo sempre della quinta.

Il creatore della serie, Bill Lawrence, ha assicurato che sono già a lavoro per sistemare questo problema che ha causato più di qualche naso storto. Così come la polemica che ha coinvolto Donald Faison, l’amatissimo Turk, che si è recentemente lamentato per essere sempre stato visto come il ragazzo nero di Scrubs.

LEGGI ANCHE:  Quando Scrubs ci ha insegnato come si diffonde un virus [VIDEO]

“È molto brutto essere giudicati per il colore della propria pelle. Una cosa che mi è successa molte volte nella vita, anche per come mi descrivono in Scrubs. Non sono un attore di Scrubs ma sono quello nero di Scrubs. Il razzismo è ovunque, non ci ha mai abbandonato”

Continua a seguirci su LaScimmiaPensa.com per altre news ed approfondimenti!

Classe '89, laureato al DAMS di Roma e con una passione per tutto ciò che riguardi cinema, letteratura, musica e filosofia che provo a mettere nero su bianco ogni volta che posso. Provo a rendere la critica cinematografica accessibile a tutti, anche al "lattaio dell'Ohio".