Tarantino spietato su Grindhouse: “La gente non ha capito un ca**o”

In un'intervista con Empire, Quentin Tarantino ha parlato di come il pubblico non capì Grindhouse, uno dei suoi film più discussi.

Kurt Russell in A prova di morte
Condividi l'articolo

Se c’è un film di Quentin Tarantino che ha sempre diviso l’opinione pubblica e la critica, quello è sicuramente Grindhouse, del 2007. Questo era un progetto ideato dal regista di Knoxville insieme all’amico Robert Rodriguez e che si componeva di due film, A prova di morte e Planet Terror, vero elogio dei b-movie che i due registi da sempre amano e che contengono anche finti trailer girati da amici come Edgar Wright, Eli Roth e Rob Zombie. Tuttavia i film, specialmente quello girato da Tarantino, A prova di morte, fu un discreto flop. Il regista è tornato a parlarne sulla rivista Empire a distanza di molti anni, accusando gli spettatori di non averci capito molto, specialmente quelli statunitensi.

In America hanno avuto Grindhouse. Nel Regno Unito avevano A prova di morte. Io e Robert avvertimmo che con Grindhouse la gente non avesse capito il discorso sulle double features, sul cinema d’exploitation. Non avevano capito nulla. Non avevano la minima dea di cosa ca**o stessero guardando. Quello che stavamo facendo non aveva alcun senso per loro. Per quanto riguarda la distribuzione nel Regno Unito, penso che le persone abbiano accolto bene il film.

LEGGI ANCHE:  Playboy smentisce Ennio Morricone: è giallo

Tarantino e la prima di A Prova di Morte a Londra

Il regista di Pulp Ficiton, nel proseguo dell’intervista, ha anche raccontato un episodio avvenuto quando andò a vedere il film a Londra insieme all’amico Edgar Wright.

Ero a Londra, impegnato nella promozione del film prima del weekend di debutto. Sono andato da Edward Wright e gli ho detto: “Hey, perché non andiamo con i tuoi amici  a vederlo venerdì sera a Piccadilly? Quindi con Nira Park, sua produttrice, Joe Cornish e l’intero gruppo di Edgar, siamo andati nel cuore di Piccadilly Circus per vedere A prova di Morte nel primo giorno di programmazione. Entriamo nel cinema e ci sono solo 13 persone. Al primo spettacolo delle 8.30, okay? Si è trattata di un’esperienza piuttosto umiliante. Tuttavia ci siamo seduti, lo abbiamo guardo e ci siamo divertiti

Edgar sembrava come se pensasse “Davvero impressionante. Avrei dovuto girarmi e andarmene via da lì. Però fan***o, alla fine mi sono seduto e ho ammirato tutto ciò”

Cosa ne pensate delle parole di Quentin Tarantino? Davvero secondo voi il film non è stato capito?  A voi piace? Fatecelo sapere nei commenti.

LEGGI ANCHE:  Quentin Tarantino: "Profondo Rosso da ragazzino mi scosse fino alle ossa"

Leggi anche:

Continua a seguirci su LaScimmiaPensa.com per altre news ed approfondimenti!