Oscar 2020: Tarantino celebra il cinema d’autore contro Marvel e Star Wars

Il cinema d'autore era a un passo dal baratro secondo Quentin Tarantino, le nomination agli Oscar 2020 li hanno premiati contro Star Wars e Avengers: Endgame

Star Wars, Tarantino e Iron Man

Il regista di C’era una volta a… Hollywood ha commentato le nomination ricevute dal suo film agli Oscar 2020

Quentin Tarantino è stato recentemente intervistato dal sito americano Deadline, proprio dopo aver ricevuto ben 10 nomination agli Oscar 2020 per il suo nono film. Tarantino ha parlato del fatto che acclamati blockbuster abbiano ricevuto ben meno di quello che ci si aspettava e che questo dà speranza a un certo cinema che rischiava di scomparire.

Tarantino ha detto che i blockbuster, come per esempio i film Marvel e quelli di Star Wars, hanno avuto una grande annata e, per loro, ci si aspettavano molti più riconoscimenti da parte dell’Academy. È fiero di far parte di un cinema ancora vivo e che lotta contro questi colossi Disney.
Tarantino ha anche sottolineato che ovunque si andasse (anche in aereo) si trovava pubblicità di Star Wars: L’Ascesa di Skywalker e di Avengers: Endgame e che si è parlato di questi film per mesi, anche in periodi lontani dall’uscita cinematografica.

Ecco un estratto dalle parole di Quentin Tarantino a sottolineare il suo concetto:

Questo doveva essere l’anno in cui il loro dominio sul mondo sarebbe dovuto completarsi. Ma non è stato così. Perché tanti film originali sono usciti e meritavano di essere visti, di essere visti al cinema.

E poi dice:

Sono davvero fiero di essere candidato con gli altri film nominati. Penso che tirando le somme, ad aver vinto quest’anno è il cinema che non si arrende allo status di blockbuster.

C’è da sottolineare che Tarantino non ha menzionato Jokerritenendolo probabilmente un film d’autore. Vi ricordiamo che C’era una volta a… Hollywood ha ricevuto 10 nomination, mentre Joker 11.

Su Quentin Tarantino potete leggere anche:

Bounty Law, Quentin Tarantino dirigerà la serie TV

Brad Pitt: “A Tarantino serve la cocaina per smettere di parlare”

Scriveteci cosa ne pensate e continuate a seguirci su Lasciammiapensa.com per nuovi approfondimenti e non solo.