Il regista di Donnie Darko farà un biopic su Rod Serling: il creatore di Ai Confini della Realtà

Il regista Richard Kelly (Donnie Darko) dirigerà un film biografico basato sulla vita del creatore di Ai confini della realtà (The Twilight Zone)

Il biopic su Rod Serling: il creatore di Ai Confini della Realtà
Condividi l'articolo

Stando alla fonte Production Weekly, pare che il regista Richard Kelly, conosciuto principalmente per aver diretto Donnie Darko, scriverà e dirigerà un film biografico basato sulla vita del creatore di Ai confini della realtà (The Twilight Zone), Rod Serling.

Ai confini della realtà fu trasmessa originariamente per cinque stagioni, dal 1959 al 1964, e fu un successo strepitoso per quanto riguardava il genere fantascientifico. Le storie erano accurate, penetranti, perspicaci e persino piuttosto spaventose. Di recente la serie ha avuto un reboot diretto dal regista horror Jordan Peele, un nuovo remake andato in onda sulla piattaforma streaming CBS All Access e che ha avuto proprio Peele nel ruolo di produttore. La serie ha ricevuto recensioni generalmente positive ed è stata prontamente rinnovata per una seconda stagione.

Il biopic su Rod Serling: il creatore di Ai Confini della Realtà

La serie antologica ideata da Rod Serling è andata in onda per la prima volta proprio su CBS. Oltre al suo creatore, la serie annoverava sceneggiatori del calibro di Richard MathesonCharles Beaumont e Ray Bradbury. Ad introdurre gli episodi interveniva lo stesso Serling. Leggendario l’opening dello show, capace di fare la storia della tv.

LEGGI ANCHE:  Donnie Darko: spiegazione del film cult di Richard Kelly

Sebbene non si sappia esattamente quali fasi della vita di Serling verranno affrontate nel film biografico, sappiamo che dopo aver prestato servizio nell’esercito americano durante la Seconda Guerra Mondiale, Serling iniziò a scrivere e dirigere i programmi radiofonici per la stazione radio del suo campus universitario, mentre come lavoro part-time testava i paracadute per l’aeronautica. Con il passare degli anni, Serling divenne sempre più prolifico e famoso nel mondo della radio e della televisione, entrando spesso in contrasto con gli sponsor aziendali che volevano censurare i suoi contenuti controversi. La battaglia di Serling contro la censura, l’uguaglianza razziale e l’attivismo contro la guerra gli valse il soprannome di “giovane arrabbiato” a Hollywood. Alla fine Serling morì all’età di 50 anni nel 1975 a causa delle complicazioni di un infarto.

Continua a seguirci su LaScimmiaPensa.com