Vince Gilligan lavorerà a una nuova serie simile a The Twilight Zone

Il co-creatore di Breaking Bad e Better Call Saul è pronto a cambiare dimensione televisiva con un progetto del tutto inedito.

metanfetamina breaking bad Vince Gilligan
Condividi l'articolo

Vince Gilligan è un famoso sceneggiatore, regista e produttore televisivo noto al grande pubblico principalmente per il suo lavoro come co-creatore di Breaking Bad e del recente Better Call Saul, spin-off televisivo dedicato a Saul Goodman (interpretato da Bob Odenkirk) che ha creato in compagnia di Peter Gould (Double Dragon, Meeting Daddy). Molti non tengono in considerazione, però, che le origini televisive dell’autore risiedono in X-Files, celebre show paranormale fine anni ’90 – inizio anni 2000 che ha cambiato la storia del piccolo schermo.

Ed il futuro, per Vince Gilligan, a detta di Deadline, sembra risiedere proprio nella serie sci-fi sopracitata. Secondo il sito la realizzazione ancora inedita, che verrà presto presentata dall’artista, ha tutti punti in comune con The Twilight Zone (Ai Confini della Realtà), noto show antologico fantasy e di fantascienza uscito per la prima volta nel 1959 (che si è protratto, con alcuni intervalli, fino al 2002). Mentre non è ancora chiaro se questa enigmatica opera sia allo stesso modo un antologia, sono stati rivelati altri dettagli importanti.

Mulder
Fox Mulder e Dana Scully, X-Files

Sempre secondo Deadline, questa creatura televisiva di Vince Gilligan trova dei punti di contatto con le puntate che ha realizzato per X-Files in quanto analizzano “la condizione umana” e “il dispiegamento della realtà mentre si tiene uno specchio per l’umanità”. Delle caratteristiche davvero interessanti con un’ambientazione moderna e “con un genere più tendente al dramma, misto e radicato” rispetto alla fantasiosa The Twilight Zone.

Insomma, per quanto sappiamo ancora ben poco su questo show di Vince Gilligan, la curiosità è tanta anche tenendo conto delle recenti dichiarazioni riguardo il futuro dell’universo di Breaking Bad che ad ora non ha senso di esistere. Ciò implica che tutte le energie dello showrunner sono state riposte in questo progetto che potrebbe realmente avere delle caratteristiche rivoluzionarie e innovative.

LEGGI ANCHE:  Better Call Saul, lo showrunner conferma la sessualità di Gus