Chernobyl: uno degli eroici liquidatori si suicida dopo aver visto la serie

Chernobyl batte Breaking Bad, punteggio record su IMDb
Condividi l'articolo

Chernobyl, uno dei liquidatori che ha aiutato con la bonifica nucleare si è tolto la vita pochi giorni dopo aver visto la serie TV

Nagashibay Zhusupov, 61 anni, è stato costretto a vivere in un angusto dormitorio di ostello. A giugno l’uomo è morto dopo essersi gettato dal tetto di un edificio ad Aktobe, Kazakistan. Gli amici credono che si sia ucciso perché si sentiva trascurato dal governo e la serie TV HBO gli ha riportato alla memoria tutto il passato legato a quel disastro.

Nagashibay Zhusupov fu costretto a trasferirsi con sua moglie e i loro cinque figli in un angusto dormitorio di ostello. Poiché il governo rifiutò di dargli uno degli appartamenti concessi ad altri veterani dell’esplosione del 1986. Sua figlia Gaukhar, 25 anni, ha detto che il suo sospetto suicidio (ovviamente devono accertarlo ma non sembrano esserci dubbi) è arrivato dopo che Zhusupov ha guardato la serie HBO con “le lacrime agli occhi” perché gli ha riportato dolorosi ricordi del suo sacrificio.

LEGGI ANCHE:  Oz: 5 motivi per apprezzare la serie tv più cruda e nichilista mai realizzata

Leggi anche: Chernobyl arriva in chiaro su La7

Gli amici credono che si sia ucciso perché si sentiva trascurato dalle autorità nonostante fosse stato uno degli eroi liquidatori nel reattore numero quattro di Chernobyl dopo l’esplosione del 1986. Successivamente ha lavorato come operaio presso il sito di sperimentazione nucleare sovietica di Semipalatinsk.

Molti veterani di Chernobyl hanno ricevuto alloggi e pensioni da parte dei governi degli ex stati sovietici Ucraina, Russia, Bielorussia e Kazakistan, ma Zhusupov si è sentito “ingannato”, dicono gli amici.

Bakitzhan Satov, presidente di un’organizzazione che rappresenta i liquidatori di Chernobyl, che ha combattuto il terribile inquinamento della centrale elettrica esplosa, ha detto che Zhusupov è stato uno dei primi sulla scena del reattore numero quattro.

Per anni aveva richiesto il tipo di appartamento statale assegnato ad altri veterani di Chernobyl, che riteneva fosse dovuto in cambio del suo sacrificio. Eppure, dopo dieci anni di attesa in coda, ha scoperto che il suo nome era stato “cancellato”, lasciandolo sconvolto.

LEGGI ANCHE:  Game of Thrones: George R.R. Martin era fuori dai giochi nelle ultime stagioni

La notizia è riportata dal sito inglese dailymail.co.uk

Leggi anche: Stranger Things 4 e il possibile collegamento con Chernobyl

Scriveteci cosa ne pensate e continuate a seguirci su Lasciammiapensa.com