Stranger Things 4 e il possibile collegamento con Chernobyl

stranger things 4

Ovviamente non stiamo parlando dell’omonima serie di successo targata HBO. Però molte voci di corridoio vedono possibili collegamenti tra il disastro nucleare di Chernobyl e Stranger Things 4. Un primo indizio lo possiamo trovare nella semplice composizione cronologica di tutto il franchise. Si parte dal 1983 della prima stagione per poi arrivare all’ultima, bellissima terza ambientata nel 1985. Una serie, un anno. Ed ecco che la quarta, confermata dai registi ma non ancora da Netflix, potrebbe essere ambientata nel 1986. Proprio l’anno del disastro di Chernobyl. Il che acquista anche un senso dopo le dichiarazioni dei registi, i quali hanno parlato di un possibile spostamento da Hawkins verso altre terre. Che sia la regione siberiana della Kamtchatka? Molto probabile vista la scena post credits della terza stagione.

Leggi anche la recensione di Stranger Things 3!

Non di meno, Stranger Things 3 ha dato modo di mettere alla luce anche i problemi della guerra fredda tra USA e URSS. In questo senso, le speculazioni sull’eventuale Stranger Things 4 iniziano a prendere una forma più solida e concreta. Unendo le varie dichiarazioni a quanto visto nell’ultima stagione, la serie più vista di Netflix potrebbe avere una svolta politica ancor più forte. E magari dare una chiave di lettura fantasy a quanto accaduto nella città operaia in Ucraina. Come ad esempio, un laboratorio proprio sotto il famigerato reattore quattro della centrale di Chernobyl, esploso a causa dell’intervento di un qualche demogorgone. O ancora, la presenza di un portale. Chissà. La fantasia viaggia in molti luoghi. Perché mai non dovrebbe fermarsi nell’Unione Sovietica? Restiamo sintonizzati per avere altre indiscrezioni sul meraviglioso universo Stranger Things.

Tuttavia, c’è un dilemma etico che lascia più che in sospeso questa teoria. È giusto dare una chiave fantasiosa ad un evento che ha visto morire molta gente e che ha portato danni ad ancor più persone? Su Reddit, dove è nata questa fan theory, il dilemma etico permane.

Continuate a seguirci su LaScimmiaPensa.com