Thom Yorke su Billie Eilish e MUSE

Il frontman dei Radiohead si pronuncia su Billie Eilish, MUSE e altro

I rimedi contro l’ansia secondo Thom Yorke? “Correre aiuta e lo yoga è essenziale. Nuotare. L’attività fisica è davvero importante. E leggere un libro!”

Thom Yorke, intervistato dal Sunday Times, ha raccontato di quella volta in cui ha assistito ad un concerto di Billie Eilish. Yorke non è stato il solo ad essersi pronunciato sulla giovane popstar: anche Dave Grohl è un suo fan: “Le mie figlie ne sono ossessionate”.

Durante il concerto, il cantante si è ritrovato per caso accanto a Sam Smith e ne ha approfittato per ricambiare la “cortesia” resagli in precedenza, quando Smith aveva affermato di non aver mai sentito nominare Yorke e di non aver neanche ascoltato la proposta dei Radiohead per il film Spectre (2015).

“E’ stato un bel momento. Mi piace Billie Eilish. Sta seguendo la sua strada, nessuno le sta dicendo cosa fare”.

“Ci siamo seduti e – come si chiama? Il ragazzo che ha fatto il film di (James) Bond al posto nostro? – (Sam Smith) stava dietro di noi e ad un tratto tutti hanno cominciato ad urlare ‘Saaaam!’ ed io ero tipo ‘Aaaargh!'”

Yorke ne ha avute anche per i Muse: quando il Times gli ha chiesto se usasse gli algoritmi per scoprire nuova musica il frontman dei Radiohead ha riso e replicato “No perché se ti piace questo ti piacerà quest’altro e poi ti suggerisce i MUSE.

Leggi anche:

ANIMA: Thom Yorke e Paul Thomas Anderson tra distopia e alienazione

Thom Yorke racconta il suo nuovo album

Il perfetto anti-pop di Billie Eilish

Continuate a seguirci sulla nostra pagina Facebook ufficiale, La Scimmia sente, la Scimmia fa.