X-Men: Dark Phoenix, riscritto completamente il finale

X-Men: Dark Phoenix, al cinema dal 6 maggio
X-Men: Dark Phoenix, al cinema dal 6 maggio

X-Men: Dark Phoenix è stato sottoposto a lunghe riprese aggiuntive per cambiare la fine del film

Il finale di X-Men Dark Phoenix è stato cambiato dopo che si è scoperto che assomigliava in modo impressionante a un altro film di supereroi anch’esso in produzione.

L’ultimo film di X-Men, nelle sale dal 6 giugno, ha originariamente concluso la produzione nell’ottobre 2017. Le riprese aggiuntive si sono svolte nell’agosto-settembre del 2018, facendo slittare la data di uscita del film che aveva spiegato proprio il regista, ne abbiamo parlato in questo articolo.

La linea ufficiale di tutti i partecipanti alle riprese è che il finale del film – originariamente ambientato nello spazio – è stato trasformato in una sequenza terrestre.

Leggi anche: Black Widow, Scarlett Johansson si mostra nel primo video dal set

Tuttavia, James McAvoy, che interpreta Charles Xavier in Dark Phoenix, dice che c’è molto di più. Parlando delle riprese, McAvoy ammette al sito Yahoo Movies UK:

“La fine [di Dark Phoenix] è stata cambiata in un sacco di cose. Il finale doveva cambiare. Ci sono state molte sovrapposizioni e paralleli con un altro film di supereroi uscito… un po’ di tempo fa. E non avevamo idea …”.

James McAvoy nel film X-Men: Dark Phoenix
James McAvoy nel film X-Men: Dark Phoenix

“Avevano spie sul set”, interviene il co-protagonista Michael Fassbender, tornando per la quarta volta come Erik “Magneto” Lensherr, “e [hanno] sostanzialmente rubato le nostre idee”.

Il duo non si è sbilanciato su quale film di supereroi rivale fosse uguale nel finale, lasciandolo ampiamente aperto alle speculazioni.

Guardando il programma di uscita dalla data di fine riprese di Dark Phoenix nell’ottobre 2017 ad oggi, ci sono stati 11 grandi film di supereroi in live-action DC o Marvel nei cinema in quel periodo: Thor: Ragnarok, Justice League, Black Panther, Avengers: Infinity War, Deadpool 2, Ant-Man and the Wasp, Venom, Aquaman, Captain Marvel, Shazam! e Avengers: Endgame.

Leggi anche: I fan vogliono una donna gay di colore al posto di Brie Larson nell’MCU

Di questi film, solo Thor: Ragnarok, Infinity War, Captain Marvel e Endgame hanno avuto lunghe sequenze spaziali che potrebbero potenzialmente scontrarsi con il climax originale di Dark Phoenix. È interessante notare che l’acquisizione da parte della Disney di Fox – lo studio dietro Dark Phoenix – è stata segnalata per la prima volta nel novembre 2017, durante la fase di post-produzione del nuovo film della saga degli X-Men. Quindi i reshoot per cambiare il finale potrebbero essere dovuti a delle scelte Disney per differenziare il film da uno dei suoi (saranno queste le spie a cui si rifersice Fassbender?)

Leggi anche: Captain Marvel, ecco perché ha un ruolo minuscolo in Endgame [Video]

Simon Kinberg, direttore di Dark Phoenix, ha dichiarato in precedenza di aver cambiato anche la VFX (gli effetti speciali) della trasformazione di Jean Grey (Sophie Turner) in Dark Phoenix (Fenicia Nera). Questo per renderla più “cosmica” e meno “fiammeggiante”. Cosa che ricorderebbe molto Captain Marvel/Carol Danvers.

Leggi anche: Avengers: Endgame, come funzionano i Viaggi nel Tempo?

Scriveteci cosa ne pensate e continuate a seguirci su Lasciammiapensa.com per nuovi approfondimenti dal mondo Marvel e non solo.