Allison Mack confessa: “Reclutavo schiave sessuali per una setta”

La setta di Allison Mack diventa una serie tv.

È finita, Allison Mack, l’attrice di Smallville, è crollata davanti ai giudici

Dopo aver mentito spudoratamente sulla propria innocenza, l’attrice Allison Mack ha confessato di essere stata una delle principali protagonista nel reclutamento di schiave sessuali (anche Emma Watson per poco non fu presa) per una setta chiamata DOS (Dominos Obsequious Sororium, ovvero Signori delle donne schiave). Inoltre sembra che fosse anche lei ad aver avuto l’idea di marchiarle a fuoco come se fossero animali da macello.

Leggi anche: La setta di Allison Mack diventa una serie tv

Mack rischiava fino a 20 anni per ogni capo d’accusa, probabilmente i suoi avvocati le hanno consigliato di confessare e costituirsi per provare ad avere una pena ridotta. Così Allison Mack (che interpretava Chloe Sullivan nella serie TV DC Smallville) ha detto:

“Sono addolorata per le persone alle quali ho fatto del male. Sono giunta alle conclusione che devo prendermi la piena responsabilità delle mie azioni ed è per questa ragione che mi dichiaro colpevole. C’erano molte persone meravigliose nella setta ma alcune di loro, lo capisco solo ora, non lo erano. Mi sono unita all’organizzazione per trovare uno scopo. Credevo che Keith Raniere volesse aiutare le persone. Mi sbagliavo.”

La confessione sembra risultare piuttosto insincera: dire che costui volesse aiutare le persone, quando queste venivano in realtà trattate come schiavi, sembra essere un’affermazione quantomeno poco credibile.

Continuate a seguirci su LaScimmiaPensa.com per altri aggiornamenti!