Spotify ti permetterà di bloccare gli artisti

Un feature per sensibilizzare gli ascoltatori

Spotify ha deciso di aggiungere un nuovo strumento molto interessante. A breve sarà infatti possibile bloccare la musica di determinati artisti. Con questa azione è possibile evitare che, durante l’ascolto di una playlist, l’artista bloccato venga riprodotto. La musica dell’artista bloccato sarà comunque visibile, ma l’algoritmo farà in modo che venga semplicemente saltata quando proposta. Questa novità segue un trend molto recente, con il quale si sta provando a dare meno visibilità possibile a certi artisti, colpevoli di crimini o abusi. Sembrerebbe che questo strumento sia stato fortemente voluto dopo lo sdegno collettivo rivolto ad alcuni nomi dell’industria.

I principali bersagli

La campagna #MuteRKelly, in seguito alle accuse mosse contro il cantante, ha raccolto molti consensi e si è spostata anche ad altri artisti. Uno dei nuovi bersagli sembrerebbe essere XXXTentacion, il rapper deceduto appena a 20 anni, la scorsa estate. Il rapper ha una lunga storia di procedimenti legali piuttosto gravi, spesso collegati ad abusi su donne. Passati diversi mesi dalla sua morte, sembrerebbe che l’opinione pubblica stia riuscendo a giudicare in maniera oggettiva la condotta di XXX.

Le dichiarazioni di Spotify

Spotify aveva già da tempo introdotto un algoritmo che stava lentamente togliendo alcuni artisti dalle playlist pubbliche presenti sul sito di streaming. A tal proposito, avevano dichiarato che non volevano censurare, ma semplicemente riflettere una loro politica interna. Daniel Ek, CEO di Spotify, aveva però ammesso che la questione non era stata affrontata nel modo più professionale possibile. Il sito streaming ha infatti deciso di rimuovere l’algoritmo e introdurre lo strumento di blocco. Con l’aggiunta di questo nuovo strumento, il consumatore di Spotify potrà decidere di sua volontà quali artisti non supportare. Starà a voi quindi fare una cernita degli artisti meritevoli. Questo nuovo feature sarà disponibile a breve.

Non dimenticate di seguirci sulla nostra pagina La Scimmia Sente, La Scimmia Fa!