I dieci comici più pagati del 2018 sono tutti uomini

Recentemente Forbes, ha pubblicato una lista dei dieci comici più pagati del 2018. Nella classifica riportata da Forbes non sono presenti comici di sesso femminile, dimostrando che c'è ancora molta strada da fare

I dieci comici più pagati del 2018 sono tutti uomini
Condividi l'articolo

Recentemente Forbes, ha pubblicato una lista dei dieci comici più pagati del 2018. Scorrendo la classifica, ci si rende presto conto che non sono presenti comici di sesso femminile.

I dati emersi hanno ovviamente scatenato le polemiche. Fra i molti post polemici, riportiamo quello di Kathy Griffin, attrice e comica statunitense.

 

L’elenco dimostra che mentre altri settori dello spettacolo hanno fatto passi da gigante, soprattutto dopo il movimento #MeToo, l’inclusione e la parità retributiva è ancora un problema nel mondo della commedia.

Jerry Seinfeld, attore statunitense, che ha raggiunto il successo negli anni novanta grazie alla creazione della sitcom Seinfeld, detiene il primo posto della lista con 57,5 milioni di dollari. Segue a ruota Kevin Hart, che di recente ha dovuto rinunciare al ruolo di presentatore degli Oscar a causa di alcuni tweet omofobi da lui scritti in passato. Kevin Hart si è conquistato la seconda piazza con 57 milioni di dollari.

LEGGI ANCHE:  Kanye West si candiderà alla Presidenza degli Stati Uniti [VIDEO]

Il terzo posto lo detiene Dave Chappelle, attore e comico statunitense, con un guadagno di circa 35 milioni di dollari, seguito subito da Chris Rock, che è presente nella classifica stilata da Forbes, con un incasso di 30 milioni di dollari.

Inoltre all’interno dell’elenco sono assenti anche Tiffany Haddish e Ali Wong, attrici che negli ultimi anni si sono dedicate principalmente al mondo della commedia.

Leggi anche: Asia Argento, da #MeToo alle accuse di molestie sessuali su minore

Continuate a seguirci su LaScimmiaPensa.com

Grande appassionato di Cinema, coltiva la sua passione per la Settima Arte divorando pellicole di ogni genere, da Kurosawa a Bergman, passando da Cronenberg a Mario Bava, fino al cinema Tarantiniano. Il suo regista preferito è Pasolini, il suo film preferito.... Saló o le 120 giornate di Sodoma.