Tragedia al concerto: la commovente reazione di Sfera Ebbasta

Dopo i tragici eventi della scorsa notte, il trapper Sfera Ebbasta pubblica un post sul proprio profilo Instagram.

Profondamente addolorato“. Così si dichiara Sfera Ebbasta, pseudonimo di Gionata Boschetti, che si unisce al dolore delle vittime. Con un toccante post su Instagram, sottolinea l’importanza di fermarsi a pensare alla stupidità di certi gesti. Il giovane trapper dichiara anche la cancellazione di tutti gli eventi promozionali che lo vedono protagonista. Questo in segno di rispetto nei confronti delle famiglie dei colpiti.

“E’ difficile trovare le parole giuste per esprimere il rammarico e il dolore di queste tragedie. Non voglio esprimere giudizi sui responsabili di tutto questo, vorrei solo – scrive il trapper – che TUTTI QUANTI vi fermaste a pensare a quanto può essere pericoloso e stupido usare lo spray al peperoncino in discoteca. Grazie a tutte le persone, le ambulanze e le forze dell’ordine che hanno prestato soccorso durante la notte. Per quanto a poco possa servire, il mio affetto e il mio sostegno vanno alle famiglie delle vittime e a quelle dei feriti e proprio per rispetto di questi ultimi, tutti gli impegni promozionali e gli instore dei prossimi giorni verranno cancellati. La musica dovrebbe essere uno strumento che unisce le persone, speriamo che lo diventi davvero.”

E’ stato aggiornato il bilancio dei feriti ricoverati dopo la strage di questa notte all’interno della discoteca Lanterna Azzurra di Corinaldo (Ancona). Sono sette i giovani, di cui due ragazzi e cinque ragazze tra i 14 ed i 21 anni, trasportati in codice rosso all’ospedale regionale di Torrette e ricoverati in terapia intensiva nel reparto di rianimazione. Le loro condizioni sono stabili ma la prognosi rimane ancora riservata. Sempre all’interno del nosocomio del capoluogo sono stati ricoverati altri 7 giovani. Uno in codice rosso che attualmente si trova al pronto soccorso in attesa di essere valutato, uno in codice giallo e 5 in codice verde.

Un bilancio straziante, in cui 6 persone hanno perso la vita e 63 sono ricoverate.

Erano in centinaia all’interno del locale, tutti in attesa del concerto del trapper milanese. Improvvisamente dalla folla si sono alzati dei lamenti, con alcuni che hanno iniziato a non respirare.

Secondo alcune testimonianze, lo spray urticante sarebbe stato spruzzato nel corso di una rissa all’interno del locale. In un attimo si è scatenato il panico, che ha preso la forma di una massa in fuga attraverso l’uscita posteriore del locale. La maggior parte di loro è riuscita ad uscire ma si è fermata sopra una pedana ai cui lati c’erano delle balaustre. A quel punto c’è stato il crollo delle stesse che hanno fatto cadere a terra alcuni ragazzi, rimasti poi schiacciati.

Non possiamo che unirci al dolore delle vittime, d’accordo sul fatto che la musica dovrebbe essere uno strumento che unisce le persone, e speriamo lo diventi davvero.

Potrebbe interessarti anche:

Improvvisa tragedia: sei morti e diversi feriti al concerto di Sfera Ebbasta

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here