Sette ragazzi arrestati per il delitto della discoteca a Corinaldo

Sette ragazzi di età compresa tra i 19 e i 22 anni sono stati arrestati, farebbero parte di una banda dedita a furti nei locali

Sette ragazzi arrestati

Gli arrestati sono residenti in provincia di Modena, compresi dai 19 ai 22 anni

Sette ragazzi arrestati da parte dai Carabinieri di Ancona, in seguito al tragico evento dello scorso dicembre a Corinaldo. Sei persone morirono in seguito al crollo di una balaustra nella discoteca Lanterna Azzurra e più di 60 rimasero ferite. Il locale era gremito in occasione del concerto di Sfera Ebbasta in programma quella sera, e uno spray urticante nella folla aveva causato una forte ressa di persone che cercavano di uscire dal locale.

I sette sono ragazzi tra i 19 e i 22 anni, residenti in provincia di Modena e farebbero parte di un gruppo di persone dedito a furti e rapine nelle discoteche. Repubblica racconta che sfruttassero il caos generato dagli spray urticanti per compiere scippi nei locali. Sono accusati di associazione per delinquere finalizzata alla commissione di furti con strappo e rapina e – in sei –  di omicidio preterintenzionale e lesioni personali. Il settimo arresto riguarda infatti una persona che avrebbe fatto da ricettatore alla banda.

Sette ragazzi arrestati

Nell’inchiesta sono indagate anche altre 17 persone. Nove persone tra gestori, proprietari e un addetto alla sicurezza per omicidio colposo plurimo. Otto, tra il sindaco di Corinaldo Matteo Principi e componenti della Commissione unificata di vigilanza sui locali di pubblico spettacolo dei Comuni associati all’Unione Misa-Nevola che rilasciò i permessi per il locale nel 2017, a vario titolo, per concorso in omicidio colposo, disastro colposo e falsità ideologica per le irregolarità riscontrate nella discoteca.

Leggi anche:
Improvvisa tragedia: sei morti e diversi feriti al concerto di Sfera Ebbasta
Tragedia al concerto: la commovente reazione di Sfera Ebbasta
Sfera Ebbasta rompe il silenzio con Mademoiselle

Continuate a seguirci sulla nostra pagina Facebook ufficiale, La Scimmia sente, la Scimmia fa.